E’ in Versilia la prima pista ciclabile al mondo mappata in alta risoluzione attraverso la nuova tecnologia di Google Street View. Con una guida d’eccezione, il campione di ciclismo Francesco Chicchi e grazie all’impegno economico e progettuale del Consorzio di Promozione Turistica della Versilia, la ciclabile Fausto Coppi, che dal Lungo Molo di...

E’ in Versilia la prima pista ciclabile al mondo mappata in alta risoluzione attraverso la nuova tecnologia di Google Street View. Con una guida d’eccezione, il campione di ciclismo Francesco Chicchi e grazie all’impegno economico e progettuale del Consorzio di Promozione Turistica della Versilia, la ciclabile Fausto Coppi, che dal Lungo Molo di Viareggio corre fino al confine con Marina di Massa ora dispone di una navigazione “bike” con immagini di grande qualità. Questa tecnologia innovativa, utilizzata per la prima volta al mondo su una pista ciclabile, offre dettagli d’immagine a tratti addirittura superiori a quelli della ben nota Street View, la funzionalità integrata in Google Maps e realizzata dai mezzi di Mountain View per camminare virtualmente in tutte le strade del mondo.

La parte tecnica è stata curata dalla KMedia SAS, azienda toscana leader in Italia per i progetti di mappatura turistica basati su Google Maps e Street View, che ha percorso con il suo “trekker” la ciclovia Versilia in compagnia di Chicchi (nella foto): "Ringraziamo Francesco per la disponibilità e l’entusiasmo con cui ha sposato questo progetto – sottolinea il presidente del Consorzio, Carlo Alberto Carrai – e speriamo che la nostra iniziativa possa essere di rilancio verso una maggiore attenzione alle potenzialità del turismo lento, ancora in gran parte inespresse sul territorio. Come, durante i mesi di lockdown, mai ci siamo fermati con la promozione sfruttando la tecnologia, proseguiamo su questa stessa linea cercando nuove opportunità e strumenti all’avanguardia. Perché è inutile fare o avere cose bellissime se non si promuovono". La nuova mappatura della pista ciclabile sarà online e, quindi, fruibile, pochi giorno dopo il doppio passaggio della Tirreno-Adriatico sul nostro territorio.