Torre del Lago, 7 aprile 2015 - C'è il fotogramma ripreso da una telecamera a circuito chiuso - presente sulla via Aurelia a Torre del Lago - sulla quale stanno lavorando da qualche giorno i carabinieri impegnati a dare un volto e un nome all’assassino di «Grazia la Nera», la giovane prostituta nigeriana assassinata sette giorni fa alla Bufalina, proprio sul confine fra le province di Pisa e di Lucca. Gli inquirenti hanno confrontato il volto del giovane straniero con altre foto relative a diversi servizi effettuati nel corso dell’estate scorsa soprattutto in Versilia. E proprio da questa immagine, risulterebbe che ci sono molte somiglianze con un marocchino indagato per una serie di rapine avvenute sul Vialone e sul viale dei Tiglia.

Il fotogramma che può fornire una bella spinta investigativa alla soluzione del caso è ripreso intorno alle 11,30: si vedono due persone che a piedi percorrono la via Aurelia e sono diretti verso la zona della Bufalina. Punto e basta. Di più quelle immagini non dicono. I due giovani stranieri potrebbero non entrarci niente con il delitto. Ma gli inquirenti li stanno cercando per verificare la loro posizione e soprattutto per capire se il loro profilo generico è compatibile con le tracce organiche trovate sul luogo del delitto, tracce che non appartengono alla vittima. Un fatto è certo: gli inquirenti sono convinti più che mai che il delitto sia opera di sbandati che possono essersi accontentati di poche decina di euro per compiere la rapina poi degenerata nel feroce delitto con le dieci coltellate inferte a «Grazia la Nera».