Viareggio (Lucca), 9 marzo 2018 - Il cadavere di un uomo - un italiano originario della Sicilia, 48 anni, conosciuto dalle forze dell'ordine - è stato rinvenuto, intorno a mezzogiorno, nelle acque del canale Burlamacca a Viareggio. La scoperta è stata fatta dopo una telefonata anonima giunta alla centrale operativa del 118 Versilia. Chi ha chiamato, da una cabina telefonica come è stato poi accertato, indicava la presenza di un corpo senza vita di un uomo più o meno nella zona del centro Italmaco, al quartiere Varignano a Viareggio. 

Da quanto emerso, la telefonata sembrava quasi uno scherzo ma dal 118 è stato deciso di inviare un'automedica a controllare e sono stati allertati i vigili del fuoco che dopo poco hanno individuato il corpo. Sul posto è poi intervenuta la polizia.

L'uomo potrebbe essere caduto in acqua dopo aver assunto droga. È un'ipotesi su cui stanno lavorando gli investigatori dopo il rinvenimento lungo il canale, vicino a dove è stato trovato il cadavere, di una siringa e di materiale per l'assunzione di sostanza stupefacente. Sarà comunque l'autopsia a chiarire le cause del decesso.

Gli inquirenti ipotizzano inoltre che a fare la telefonata anonima al 118 che ha portato allo scoperta del cadavere sia stata una persona che era in compagnia dell'uomo. Gli investigatori ipotizzano che l'uomo possa aver assunto droga e poi, o per un malore, o perché camminava barcollando vicino all'argine del canale, sia finito in acqua.