Perugia, 17 agosto 2018 - Entusiasmo subito alle stelle per il primo giorno di lavoro della Sir Safety Conad Perugia. Circa trecento i sostenitori presenti al Pala-Barton per vedere all’opera la versione ridotta dei block-devils. C’erano persone arrivate anche da Milano, ma curiosi per il taraflex tricolore, senza dubbio, ma di certo interessati nel visionare la propria squadra del cuore. Effetto da campioni d’Italia ma come ovvio soprattutto merito del fuoriclasse cubano Wilfredo Leòn che continua a far sognare la tifoseria: "Giocare in Italia sarà stimolante, quello che ho vinto nel passato non conta, voglio vincere ancora in futuro. Questa è il campionato più forte del mondo e sono desideroso di affrontarlo. Ho fatto tante settimane di vacanza e ora sono pronto per tornare a lavorare forte".

Tra i più attesi anche l’allenatore Lorenzo Bernardi che da poco ha festeggiato i cinquant’anni: "Per me quella scorsa è stata una stagione particolare, forse irripetibile, la ricorderò per sempre. Come ho sempre ripetuto non vivo di ricordi, non possiamo partire da una base importante dello scorso anno perché tre atleti su sette sono cambiati. Partiamo però con la massima umiltà e tranquillità, non abbiamo la pressione di dover vincere perché i favoriti sono altri".

LA VIDEOINTERVISTA A BERNARDI (clicca qui)

Il veterano della squadra perugina sarà ancora lo schiacciatore Dore Della Lunga: "Sono ormai da diversi anni a Perugia, ho una bella responsabilità ed una grande soddisfazione. Era quello che volevo e sono contento di essere parte di questo gruppo. Quando davanti ci sono giocatori importanti è chiaro che sai bene quale è il tuo ruolo. In una squadra che punta in alto l’obiettivo è remare tutti dalla stessa parte per cercare di vincere. Il clima è sicuramente diverso, l’attenzione è cresciuta. Vincere non è mai facile ma ci proveremo".