Perugia, 23 settembre 2019 - "Sono abituato alle sfide, ecco perché mi candido con entusiasmo alle regionali". Così Vincenzo Bianconi, l'imprenditore che la coalizione di Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle ha scelto per correre contro la Lega nelle consultazioni di fine ottobre in Umbria. CHI E' BIANCONI - LEGGI

Il nome di Bianconi è spuntato nel pomeriggio di domenica 22 settembre, dopo che in mattinata c'erano stati i rifiuti di Stefania Proietti, sindaco di Assisi, e Francesca Di Maolo, presidente dell'Istituto Serafico nella città di San Francesco. "E' ora di ricostruire il futuro dell'Umbria.

C'è bisogno di un forte cambiamento per le infrastrutture, i trasporti, la sicurezza e la legalità. Mi sono battuto da cittadino, ora voglio dare il mio contributo in modo diverso. Come imprenditore ho sempre lavorato per rendere l'Umbria una terra migliore per i nostri figli, insieme possiamo farcela", questo il messaggio di Bianconi in un video. 

«Vincenzo Bianconi è la persona giusta al posto giusto per ricucire quel rapporto di fiducia tra le istituzioni e i cittadini umbri, che è venuto meno dopo lo scandalo sulla sanità»: lo sostiene il deputato del Movimento 5 stelle, Filippo Gallinella. Per il parlamentare «Bianconi è un imprenditore di rilievo nel settore della ricezione turistica di Norcia, tanto da vincere premi internazionali straordinari».

«E proprio da lui - prosegue Gallinella - che vive nei luoghi segnati dalle tragedie del terremoto e che non ha mai chinato la testa di fronte alle difficoltà mettendosi sempre a disposizione della sua gente, può ripartire il rilancio di quelle zone martoriate e dell'Umbria intera, grazie alla sua passione e alle sue competenze. Il nostro obiettivo è fare gli interessi dei cittadini e sono convinto che quella che abbiamo fatto sia la proposta migliore possibile».

Una candidatura non esente da polemiche. "Sembra che la questione del candidato in Umbria volga al termine - dice Andrea Fora, candidato 'civico' lanciato dal Pd ma poi caduto sull'accordo tra i dem e il M5S - Da parte mia ricevo da ore telefonate e messaggi di persone arrabbiate per come questa storia si è sviluppata e anche più di qualcuno che non è contento di come sia andata a finire. Comprendo lo sconcerto: ci sono molti elementi abbastanza incomprensibili in ciò che è accaduto nelle ultime settimane e in particolare negli ultimi giorni".