Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Elezioni amministrative. Sfida all'ultima scheda, Terni rialza la testa

Seggi aperti per la competizione in otto comuni. C'è anche Spoleto

Ultimo aggiornamento il 11 giugno 2018 alle 01:02
Elezioni amministrative

Perugia, 10 giugno 2018 -  Sono otto  i Comuni dell’Umbria chiamati a scegliere i propri sindaci. Quattro quelli che superano i 15mila abitanti: Terni, Spoleto, Umbertide e Corciano, altrettanti quelli che invece sono sotto la soglia e per i quali quindi non è previsto ballottaggio.

Ovvero Passignano, Cannara, Trevi e Monte Santa Maria Tiberina. In 32 corrono per 8 posti da primo cittadino, 1.048 invece sono i candidati a caccia dei 134 scranni nelle assemblee comunali. 165.853 le persone chiamate alle urne. Il ‘sovraffollamento’ massimo in quanto a candidati sindaco è a Terni, con otto competitor e 376 aspiranti consiglieri. Quattro puntano alla poltrona più alta del Comune a Spoleto (255 candidati al Consiglio), e quattro sono anche quelli di Corciano (11 liste e 167 persone in corsa). Ben sei invece si sfidano a Umbertide (134 candidati- consiglieri), mentre due soltanto correranno a Passignano e Monte Santa Maria Tiberina. In tre si sfidano per diventare sindaco a Cannara e Trevi. 

A Terni  sono più di 89mila gli elettori chiamati alle urne, a Passignano si parla di 4.346 persone, a Corciano 16.261, a Cannara 3.281, a Monte Santa Maria Tiberina solo 931, a Trevi 6.262, a Umbertide 12.423 e a Spoleto 30.755. Riflettori accesi in modo particolare a Terni (che è uno dei principali capoluoghi di provincia italiani al voto). La città dell’acciaio infatti arriva al voto dopo il dissesto finanziario del Comune, le dimissioni dell’ex primo cittadino Pd, Leopoldo Di Girolamo, e l’insediamento del commissario straordinario. Dal Centrosinistra sono stati candidati: l’ingegnere 73enne Paolo Angeletti (sostenuto da Pd e dalla lista civica Terni Immagina), l’avvocato Alessandro Gentiletti (Leu, Terni Valley e Senso Civico), Mariano De Persio (Partito Comunista) e Emiliano Camuzzi (Potere al Popolo). Andrea Rosati è infine candidato con la lista civica Prima Terni. Il centrodestra corre unito appoggiando l’avvocato Leonardo Latini della Lega. Casapound candida Piergiorgo Bonomi, mentre il Movimento 5 Stelle Thomas De Luca.
D.M.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.