Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Emergenza lavoro nel pubblico, 330 persone in bilico

Centri impiego ed ex Montane: pressing della Cgil sulla Regione

Ultimo aggiornamento il 18 gennaio 2017 alle 15:49
Un momento dell'incontro alla Cgil

Perugia, 18 gennaio 2017 - Da una parte ci sono i 180 dipendenti dei centri per l’impiego di Perugia (147) e Terni (33), tra i quali una cinquantina di precari storici. Dall’altra i circa 150 lavoratori (tecnici e amministrativi) delle ex comunità montane che non sono stati ancora ricollocati. Ad accomunarli la forte incertezza sul futuro e una richiesta pressante di risposte da parte della Regione Umbria, che ha la responsabilità di trovare un percorso che metta in sicurezza il loro futuro. Entrambe le questioni sono state al centro del dibattito, in occasione della riunione del coordinamento Autonomie Locali della Fp Cgil dell’Umbria, al quale hanno preso parte circa 80 lavoratrici e lavoratori di vari enti ed amministrazioni pubbliche della regione, insieme alla segreteria della Fp regionale, guidata dal segretario generale Fabrizio Fratini, e con la partecipazione del segretario nazionale Federico Bozzanca. 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.