Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Badiali Cashmere, lusso trasversale

L'azienda di Foligno serve la grande distribuzione, le boutique e negozi propri

di SILVIA ANGELICI
Ultimo aggiornamento il 2 marzo 2017 alle 12:56
Leonardo e Igino Mazzocchio

Foligno, 2 marzo 2017 - E’ un'azienda  con una tradizione collaudata la «Badiali Cashmere» di Foligno e adesso fa dell’innovazione il suo punto di forza. Al comando ci sono due giovani manager: i fratelli Igino e Leonardo Mazzocchio, 47 anni il primo, esperto della produzione, 35 anni il secondo che si occupa della direzione commerciale e dei clienti. Con il padre Walter (alla presidenza) hanno scommesso in un brand «trasversale» capace di conquistare sia il mercato medio che quello del lusso. «All’inizio – spiega Leonardo, che fa anche parte dei tessili di Confindustria – avevamo come cliente la grande distribuzione, dove adesso lavoriamo con quasi tutti i gruppi più importanti del settore. Poi c’è stata la svolta: abbiamo deciso di orientarci anche su target più alti ed ecco l’idea della vendita diretta nelle boutique o nei negozi retail monomarca. L’idea è stata mia sulla scia di uno studio Unicredit, che aveva previsto il successo dei monomarca a discapito del multibrand. Nell’ottica di rivitalizzare alcuni centri storici dell’Umbria, abbiamo investito su Orvieto, Bevagna, Foligno, Spoleto, Norcia e anche su Roma a Campo dei fiori». 
In un mercato  in cui c’è molta concorrenza, il marchio Badiali Cashmere (nato nell’83 con maglie fatte a mano e nel 2016 arrivato a produrre 130mila capi, quasi tutti assorbiti dal mercato Italiano) «va forte – spiega Leonardo – perché ha investito sulla qualità dei filati e sulla politica dei prezzi». La filosofia dell’azienda è infatti quella di «offrire un sogno a tutti», visti i costi accessibili dei capi, che variano comunque anche in base alla percentuale del cashmere, della lana o della seta usati per la composizione finale. Intanto, dall’anno scorso nei negozi diretti è stato introdotto anche un servizio di total look per l’uomo, mentre per la donna si prosegue sul filone della maglieria e degli accessori. La prossima tappa? «Avendo chiuso a malincuore il negozio di Norcia per via del terremoto – conclude l’imprenditore – stiamo cercando locali a Siena per estendere il marchio anche verso la Toscana. In cantiere l’idea di aprire uno store a Milano, nel quadrilatero della moda». 
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.