Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Tommaso, il mago delle app che il premier Conte vuole a Palazzo Chigi

Tommaso Vicarelli, perugino di 30 anni, ha creato un sistema per monitorare gli edifici

Ultimo aggiornamento il 8 settembre 2018 alle 21:19
Tommaso Vicarelli

Perugia, 8 settembre 2018 - La voce è ancora segnata dall'emozione e dalla speranza che la sua startup sia vicina alla svolta. Tommaso Vicarelli, 30 anni, è lo startupper che il premier Giuseppe Conte detto di voler di portare a Palazzo Chigi dopo aver ascoltato la soluzione offerta dalle sue tecnologie per il il monitoraggio delle infrastrutture.

"Non mi aspettavo di essere chiamato in causa durante l'intervento del primo ministro. Mi hanno avvisato qualche secondo prima per dirmi di tenermi pronto", ha detto l'imprenditore. Vicarelli e' il cofondatore di Secure Shelter, una startup che ha lanciato a Perugia dopo una laurea in Ingegneria informatica, insieme ai colleghi di universita' Gabriele Costante, Gabriele Mawi, Francesco Zuccaccia, Daniela Mogini, Andrea Tomarelli. Sul palco del Digithon di Bisceglie, evento nato nel 2015 e fondato dal deputato democratico Francesco Boccia, il premier gli ha rivolto la parola, dopo una presentazione fatta dallo stesso Boccia: "Devi sapere che stiamo lavorando ad un decreto e prevede il monitoraggio delle infrastrutture", gli ha detto Conte. "Quando ho saputo del ponte di Genova, la prima cosa che mi sono chiesto e': come e' possibile che oggi non sappiamo con un click lo stato delle infrastrutture?".

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.