La visita della Merkel

Assisi, 15 maggio 2018 - «Ho invitato la Cancelliera Angela Merkel e il marito a trascorrere una vacanza ad Assisi e non me lo hanno escluso». Così il sindaco Stefania Proietti, a margine della visita ufficiale al Sacro Convento. «Il fatto che la Merkel abbia voluto gustare i prodotti tipici, che abbia voluto fare il percorso della festa del Voto, fortemente spirituale, vedere e rendersi conto della città – aggiunge la Proietti –, sono stati importanti per noi, per in territorio, per un ritorno in termini di comunicazione dell’evento e gli effetti positivi sul piano turistico», aggiunge la Proietti. Una visita storica per i grandi temi che sono stati affrontati: pace, immigrazione, accoglienza, fratellanza, dialogo, difesa del creato, da due esponenti del nord e del sud del mondo, la Cancelliera Merkel, figlia di un pastore luterano per la prima volta al Sacro Convento (dove ha pregato sulla tomba del Poverello), e Santos, presidente della Colombia Nobel per la Pace.

Visita storica anche per l’immagine della città, in considerazione del fatto che al primo posto, come visitatori in Italia, ci sono proprio i turisti tedeschi (58 milioni di presenze), seguiti da americani, francesi e cinesi. La visita della Merkel quindi potrebbe avere importanti ricadute sul territorio. «In questa ottica – continua il sindaco – ho mosso Federalberghi e Confcommercio per far sì che l’evento che si è tenuto sia veicolato al meglio, legandolo al volo dall’aeroporto internazionale dell’Umbria-Perugia ‘San Francesco d’Assisi’ per Francoforte. Un discorso promozionale a tutto campo per l’Umbria.

Ai recenti Stati Generali del Turismo avevo detto che la visita della Cancelliera Merkel alla Basilica di Assisi sarebbe stato una ‘porta’ per l’Umbria». Importante, da questo punto di vista, proprio il fuori programma. «Un percorso straordinario – conclude la Proietti –. E stiamo anche preparando una comunicazione in tedesco e in inglese da inviare ai tour operator su quello che è stato il ritorno anche sui media tedeschi della visita della Cancelliera Merkel».

Maurizio Baglioni