Fine settimana, quello appena trascorso, dedicato al Memorial Franco Quondam, da quest’anno concorso internazionale, nel complesso ippico del “Regno Verde“ di Narni. Il cavaliere toscano Guido Franchi si è aggiudicao il Gran Premio dello Csi a due stelle. La gara è stata intitolata alla memoria di Franco Quondam, padre di Gianluca, anima dell’apprezzato centro ippico tra Narni...

Fine settimana, quello appena trascorso, dedicato al Memorial Franco Quondam, da quest’anno concorso internazionale, nel complesso ippico del “Regno Verde“ di Narni. Il cavaliere toscano Guido Franchi si è aggiudicao il Gran Premio dello Csi a due stelle. La gara è stata intitolata alla memoria di Franco Quondam, padre di Gianluca, anima dell’apprezzato centro ippico tra Narni e Terni, ormai da anni nel circuito nazionale del settore. Cinquanta i concorrenti che si sono affrontati lungo il percorso base, al termine del quale in sei si sono qualificati per il decisivo spareggio grazie al proprio percorso netto.

Nella frazione finale si è imposto Guido Franchi su Quixotic DC, che non ha lasciato scampo agli avversari; al secondo posto il cavaliere degli Emirati Arabi Uniti, Humaid Abdulla Khalifa al Muhairi su Tsunami de Hus e in terza posizione Emiliano Liberati su Dooley WY.

Dalla quarta alla decima posizione tanti italiani ai vertici della disciplina. Proprio quarto classificato, Massimo Pacciani su Capoen. Quinto il cavaliere arabo Oma Abdul Aziz su Denita e sesto Pasquale Datena su Folkert e settimo Florino De Santis su Zucchero.

Il memorial ha assegnato anche una serie di premi collegati. Ad aggiudicarsi l’accesso diretto alla finale del concorso 123x123 di FieraCavalli Verona 2021 è stata la svedese Jannie Canovill; giornata importante anche per Angelica Ferella, che ha conquistato non solo gli Stivali Franceschini ma anche la Sella Equipe, essendo stata ritenuta la miglior amazzone del concorso. Quindi, a completare l’ideale podio della manifestazione, Giulia Pallotti ottima vincitrice del Cassone messo in palio nella categoria 115.

Una manifestazione molto apprezzata nel circuito e scelta da cavalieri e amazzoni che, da sempre, ne apprezzano l’organizzazione e l’alto livello di competizione, in uno scenario paesaggistico bellissimo come è quello che offre il complesso ippico narnese.