Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
23 giu 2022

"L’arte non muore mai, voi sì" Galleria, l’irriverenza sui social

Il Museo perugino promuove l’imminente riapertura con un progetto all’insegna dell’ironia scatenata

23 giu 2022
Ecco il post pubblicato ieri su Facebook e Instagram da Taffo, l’agenzia funebre diventata celebre sui social per la sua ironia sulfurea. L’iniziativa coinvolgerà per tutta l’estate, ogni settimana, le pagine social più celebri d’Italia
Ecco il post pubblicato ieri su Facebook e Instagram da Taffo, l’agenzia funebre diventata celebre sui social per la sua ironia sulfurea. L’iniziativa coinvolgerà per tutta l’estate, ogni settimana, le pagine social più celebri d’Italia
Ecco il post pubblicato ieri su Facebook e Instagram da Taffo, l’agenzia funebre diventata celebre sui social per la sua ironia sulfurea. L’iniziativa coinvolgerà per tutta l’estate, ogni settimana, le pagine social più celebri d’Italia
Ecco il post pubblicato ieri su Facebook e Instagram da Taffo, l’agenzia funebre diventata celebre sui social per la sua ironia sulfurea. L’iniziativa coinvolgerà per tutta l’estate, ogni settimana, le pagine social più celebri d’Italia
Ecco il post pubblicato ieri su Facebook e Instagram da Taffo, l’agenzia funebre diventata celebre sui social per la sua ironia sulfurea. L’iniziativa coinvolgerà per tutta l’estate, ogni settimana, le pagine social più celebri d’Italia
Ecco il post pubblicato ieri su Facebook e Instagram da Taffo, l’agenzia funebre diventata celebre sui social per la sua ironia sulfurea. L’iniziativa coinvolgerà per tutta l’estate, ogni settimana, le pagine social più celebri d’Italia

"L’arte non muore mai. Voi sì. Riapre la Galleria Nazionale dell’Umbria“. Con questo post irriverente pubblicato su Facebook e Instagram da Taffo – l’agenzia di pompe funebri diventata celebre sui social per la ironia sulfurea – si è aperta ieri la nuovissima e decisamente originale campagna di promozione della Galleria Nazionale dell’Umbria.

Il museo perugino riapre i battenti il primo luglio con un nuovo allestimento dopo un anno di lavori e per festeggiare l’evento ha deciso di entrare a gamba tesa nel mondo dell’arte. E così da ieri ha dato il via a un progetto che ogni settimana, fino al 31 agosto 2022, vedrà la Galleria e i suoi capolavori protagonisti su alcune fra le pagine social più celebri d’Italia, da Le Frasi di Osho a Lercio, da Taffo a Legolize a molti altri, con oltre 6 milioni di follower, attraverso la pubblicazione di post che puntano tutto sulla carta della satira. L’iniziativa si chiama #l’artedellirriverenza ed curata da Matteo Grandi, apprezzato autore perugino e attento osservatore delle dinamiche della rete. L’obiettivo dichiarato è quello di rendere accessibile la cultura a un pubblico più allargato, non solo a quello degli appassionati e degli addetti ai lavori, utilizzando un linguaggio più fresco e divertente senza tradire la sacralità dell’arte. "In fondo – si chiedono gli ideatori – chi può dire che Perugino, Pintoricchio o Piero della Francesca non si prendessero in giro o si divertissero a nascondere nelle loro opere messaggi o parodie?".

L’esordio ha colpito decisamente nel segno. Il post di Taffo non lascia spazio a dubbi nel suo impasto tra ironia e promozione. "Carpe diem! – scrive la storica impresa funebre, ormai di culto on line –. Il primo luglio riapre la Galleria Nazionale dell’Umbria a Perugia che conserva la maggiore raccolta di opere dell’arte umbra ed alcune tra le più significative opere artistiche italiane... È un adv ma è anche un consiglio, fate in fretta..."

I commenti sui social sono molto positivi, l’ironia piace a tutti. Soddisfatto Matteo Grandi. "Siamo partiti con la genialità di Taffo – scrive sul suo profilo Facebook – e voglio ringraziare tutti coloro che si sono messi al servizio dell’idea, perché hanno compreso il valore culturale racchiuso in questa straordinaria eccellenza italiana che è la Galleria Nazionale dell’Umbria, custode di un patrimonio artistico senza uguali. Un enorme ringraziamento va soprattutto alla Galleria, perché nel mondo dell’arte l’autoironia non è cosa così comune. Ma in fondo anche non prendersi troppo sul serio è un’arte". E ora non resta che attendere le prossime uscite. Rigorosamemte irriverenti.

S.C.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?