"Gualdo Tadino città esempio non solo in Umbria ma in tutta Italia per il numero di dosi di vaccino somministrate e la percentuale di cittadini vaccinati": è quanto rileva lo stesso Comune, guidato dal sindaco Massimiliano Presciutti, spiegando che in poco più di sei mesi (con l’apertura del primo hub vaccinale)...

"Gualdo Tadino città esempio non solo in Umbria ma in tutta Italia per il numero di dosi di vaccino somministrate e la percentuale di cittadini vaccinati": è quanto rileva lo stesso Comune, guidato dal sindaco Massimiliano Presciutti, spiegando che in poco più di sei mesi (con l’apertura del primo hub vaccinale) sono state somministrate ai cittadini (non solo gualdesi ma anche di tutto il comprensorio e di tutta la regione) oltre 38 mila dosi, più del doppio della popolazione, che si attesta intorno ai 15.000 abitanti.

Nel dettaglio a ieri 24.000 dosi circa sono state inoculate presso il Centro della Terza età, mentre altre 14.500 nel punto vaccinale presente presso lo stabilimento Rocchetta Spa (messo a disposizione dall’azienda a propria cura e spese, pari a circa 185.000 euro in totale). Se a questi numeri (38.500 dosi di vaccino circa) si aggiungono le dosi di vaccino somministrate dai medici di base e quelle rilasciate nelle farmacie presenti a Gualdo Tadino la cifra totale tocca il traguardo delle 40.00 dosi circa.

"Dati assolutamente notevoli - sottolinea il Comune - che sono stati possibili grazie alla sinergia messa in campo da amministrazione comunale, Usl Umbria 1, Regione Umbria e Rocchetta Spa, che ha permesso a Gualdo Tadino di disporre di due centri vaccinali accreditati (unico caso in tutta l’Umbria) e diventare esempio su scala regionale e nazionale nella campagna di vaccinazione Covid-19".

Elevata, inoltre, è stata anche la risposta alla vaccinazione dei cittadini gualdesi, con una percentuale di vaccinati che supera l’80 per cento della popolazione.