Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Ferrovia centrale Umbra, c'è il rebus-apertura

Conclusi i lavori fino a Ponte San Giovanni

di CRISTINA CRISCI
Ultimo aggiornamento il 11 settembre 2018 alle 06:55
L'inaugurazione

Città di Castello, 11 settembre 2018 - CITTÀ DI CASTELLO: prima tappa della cerimonia di riconsegna della tratta ferroviaria dopo mesi e mesi di cantiere. Ore 10, un autobus con giornalisti e rappresentanti istituzionali partito da Perugia arriva alla stazione tifernate. Quando il ‘corteo’ entra dentro gli uffici, alla biglietteria ci sono un gruppo di mamme in fila che, portafogli in mano, sottoscrivono l’abbonamento per i loro figli, studenti, che ogni giorno vanno verso Umbertide o Perugia. «Ma quando riparte il treno?», chiede una di loro. «Presto, molto presto», si sente rispondere. Stando a quanto annunciato dai vertici delle istituzioni infatti i treni dovrebbero ripartire tra una decina di giorni, forse il 24 settembre.

DALL’INIZIO viaggeranno a 50 chilometri orari, perché i livelli di sicurezza dopo i recenti e numerosi fatti di cronaca, hanno fatto innalzare i livelli di sicurezza. Tanto che ieri mattina da Città di Castello non c’erano vagoni sulle rotaie, ma solo mezzi da cantiere, a dimostrazione del fatto che i lavori sono ancora in corso. Solo più avanti, a Umbertide una carrozza è poi partita riportando a Perugia rappresentanti istituzionali e giornalisti nel percorso lungo le rotaie rimesse a nuovo. Inaugurazione parziale, cantiere parziale. All’Altotevere infatti manca un pezzo importante: il collegamento verso Sansepolcro, completamente tagliato fuori. Per questo il sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta, quello di San Giustino Paolo Fratini e il vicesindaco di Sansepolcro Luca Galli hanno rilanciato l’esigenza di andare ad un completamento. In tutta risposta sono giunte le dichiarazioni della presidente della giunta regionale Catiuscia Marini e dell’assessore Giuseppe Chianella che fanno ben sperare anche per questo definitivo completamento della linea.

TRA LE ISTITUZIONI c’è anche chi, come l’assessore umbertidese Alessandro Villarini, ritiene che tuttavia questa inaugurazione avrebbe dovuto rispettare i tempi annunciati mentre il consigliere di opposizione Fdi Andrea Lignani Marchesani va giù pesante: «Non c’e’ limite al senso del ridicolo. Nonostante l’ennesimo fallimento sulla data di riconsegna dell’infrastruttura all’utenza si è perseverato con la celebrazione di una non inaugurazione».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.