San Valentino in anticipo: restituita agli sposi la fede nuziale smarrita

A trovarla è stato un pakistano di 33 anni che vive a Terni. Una vera “indagine” per risalire a chi l’aveva persa

La restituzione delle fedi

La restituzione delle fedi

Terni, 5 febbraio 2024 – E’ stato un bel momento quello che stamattina in via Antiochia ha visto l’incontro tra il questore Bruno Failla e una coppia di sposi di Terni. Lo scorso ottobre un pakistano 33enne residente a Terni aveva portato in questura una fede nuziale che aveva ritrovato in via Bramante; all’interno dell’anello, in oro giallo, vi era incisa la scritta “Fabiana 23.10.1983”.

La fede era stata subito inserita nella bacheca online della polizia degli oggetti rubati o rinvenuti e sulla pagina Facebook della Questura di Terni, ma nonostante il passare dei giorni nessuno si era presentato per reclamarla.

Il personale della Divisione Anticrimine ha dunque deciso di richiedere un accertamento all’ufficio anagrafe del Comune di Terni e, grazie alla collaborazione dell’ufficiale di stato civile Mariangela Pitorri, nel giro di pochissimo tempo, si è arrivati a rintracciare la coppia che si era sposata a Terni il 23 ottobre del 1983: il dottor Luigi De Santis e sua moglie Fabiana Forti.

Questa mattina in via Antiochia, la riconsegna del prezioso anello da parte del questore Failla che ha voluto sottolineare il valore simbolico della fede a suggello di un matrimonio stabile e duraturo. Il dottor De Santis, medico ternano, ha detto che si era accorto che la fede gli era caduta, andando a finire in un tombino, ma che non era riuscito più a trovarla, e insieme alla moglie, hanno espresso la loro gratitudine per il ragazzo che l’ha trovata e per tutti quelli che si sono adoperati per riconsegnarla.