’Ceramiche Noi’ a Cannes Ha realizzato un premio-simbolo

L’Embrace Award realizzato da Ceramiche Noi si riconferma a Cannes. Il premio è stato presentato durante la serata di gala da Berry Alexander Brown (produttore di Spike Lee) che l’anno scorso lo ha ricevuto per primo, per poi essere consegnato a sua maestà Queen Angelique Monet (in onore di una comunità di agricoltori in Nigeria, che vede, grazie alla regina, valorizzato il proprio lavoro senza sfruttamento). "Che siamo entusiasti e fieri di noi è dir poco: l’Embrace Award è ufficialmente diventato un riconoscimento annuale che ogni anno ci permetterà di essere presenti come partner ufficiale ad uno degli eventi più importanti che si svolge durante il festival di Cannes": il "New Generation in Action", un riconoscimento nel nome della pace e della tolleranza. È Lorenzo Giornelli, direttore commerciale di Ceramiche Noi di ritorno da Cannes, a commentare così l’ennesimo successo di questa cooperativa portata avanti da soci lavoratori. Ceramiche Noi solo qualche anno fa aveva come prospettiva la chiusura e la delocalizzazione in Armenia della precedente proprietà, ha realizzato anche quest’anno l’Embrace Award, che ricorda un abbraccio simbolo di Pace e Speranza. Un auspicio per tornare ad abbracciarsi e vivere in pace. Durante l’evento altri premi, sempre creati da Ceramiche Noi, pezzi unici fatti a mano con la firma dell’artista Luca Baldelli, sono stati consegnati a Jeff Bridges e Claudia Gerini. La riconferma di quest’anno sigla una importante partnership con un’organizzazione internazionale come le Nazioni Unite che per l’azienda che soli 3 anni fa rischiava la chiusura significa davvero essere riusciti nell’impresa non solo di salvare il lavoro ma anche di elevare il livello di esso e di riuscire a portare la propria esperienza agli occhi del mondo.