Interventi da via Mario Angeloni fino a via Pellas
Interventi da via Mario Angeloni fino a via Pellas

Perugia, 3 novembre 2018 - E’ probabilmente uno degli interventi più atteso lungo le strade della città. E finalmente dopo tanti annunci, è arrivato il momento pe riasfaltare anche il primo tratto di via XX Settembre, quello che parte da via Mario Angeloni e arriva fino a via Pellas. Già perché lo scorso anno era stato rifatta tutta la parte alta della strada che dall’incrocio proprio con via Pellas, sale fino a via Largo Cacciatori delle Alpi.

Questa estate lungo la via c’è stato un importante intervento da parte di Umbra Acque che ha rifatto la conduttura principale dell’acquedotto. Poi nelle settimane successive, sempre l’azienda partecipata comunale del servizio idrico, ha effettuato gli attacchi principali della rete idrica.

Terminate queste operazioni, compresa quella di cablaggio ella fibra da parte di Open Fiber, può finalmente cominciare l’intervento per rifare l’asfalto che è in pessime condizioni. L’intervento – affidato a un’impresa di Assisi – prenderà il via martedì mattina e meteo permettendo, andrà avanti fino a sabato 17. Dalle 8,30 alle 18,30 (il cantiere sarà quindi aperto di giorno e non di notte, visto anche il periodo in cui si interviene) lungo la strada verrà istituito il senso unico alternato e inevitabilmente si potrà avere qualche ripercussione sul traffico.

L’altra buona notizia è che anche in via dei Priori i lavori si avviano verso la conclusione: sempre da martedì e stavolta fino al 7 dicembre, saranno effettuate le opere di ripristino dalla pavimentazione nel tratto della strada compreso tra via Vermiglioli e via della Stella: qui dalle 8 alle 18 e dal lunedì al venerdì, verrà invece stabilito il divieto di transito che si svilupperà in base ai lavori.

Non è tutto rose e fiori però nella zona di via dei Priori. In via della Cupa infatti la situazione è diventata insostenibile: sull’asfalto ci sono crepe enormi, buche che a causa della pioggia di questi giorni si sono ulteriormente allargate. E se percorrere quel tratto in auto è complicato, lo è ancora più farlo a piedi: i pedoni – nel migliore dei casi – rischiano di «giocarci» la caviglia o il menisco...

michele nucci