Armando Fronduti è stato anche consigliere regionale dal 2008 al 2010
Armando Fronduti è stato anche consigliere regionale dal 2008 al 2010

Perugia, 25 novembre 2021 - Il suo impegno in politica iniziò nel 1973, quando venne eletto nelle file della Dc, nel Consiglio di Quartiere 5 del Comune di Perugia. E sempre in quegli anni entrò in Confedilizia, di cui è stato fino a ieri l’emblema in Umbria. Armando Fronduti, 74 anni, se ne è andato: ha accusato un malore durante una riunione ieri mattina e non ce l’ha fatta. Era molto conosciuto in città: nel 2004 era stato eletto in Consiglio comunale tra le file di Forza Italia, riconfermato poi nel 2009 con il Pdl e anche nel 2014, quando il centrodestra conquistò Palazzo dei Priori. In mezzo anche una parentesi (2008-2010) da consigliere regionale e soprattutto una fedeltà assoluta a Silvio Berlusconi.

Capitava che nei momenti di "burrasca" politica nostrana, Fronduti chiamasse in redazione per dire la sua: "Ho parlato con Silvio – raccontava – e mi ha detto che...". Il cronista a volta faceva fatica a capire se stesse scherzando, ma quei 5 minuti al telefono con Armando erano sempre piacevoli, a volte spassosi. Nel 2014 rivelò addirittura che a una cena a Roma con Berlusconi, gli offrì di far accoppiare Dudù (il cane del Cavaliere) con la sua cagnolina. "E che ha detto il presidente?" chiese il cronista. "Ha sorriso" rispose sornione Fronduti.

Tra gli episodi curiosi quello nel 2008 durante un viaggio istituzionale in America, quando si fece prestare il pigiama dall’allora sindaco Locchi. "Mi avevano perso il bagaglio...". Sorrisi a parte, Fronduti oltre che in politica, è stato ai veritici di Confedilizia umbra dal 1979, oltre che numerosi incarichi in enti e istituzioni, sempre a difesa della proprietà immobiliare. In tanti hanno espresso cordoglio per la sua scomparsa a iniziare dal sindaco Andrea Romizi, il presidente del Consiglio comunale Nilo Arcudi e regionale Marco Squarta.

Giovedì 25 novembre alle 15 a San Sisto i funerali.