"Il medico veterinario come professionalità strategica per combattere la pandemia attraverso il contact tracing. Per questo la sua figura va inserita nei bandi regionali e va anche considerata al tavolo di crisi regionale, in quanto portatore di esperienza nella gestione delle epidemie" A chiederlo il capogruppo regionale del Pd, Tommaso Bori, annunciando la presentazione di un’interrogazione in cui sottolinea come il medico veterinario sia "portatore di esperienze nella gestione delle misure sanitarie e di prevenzione sul campo". "Per interrompere la catena di trasmissione di Covid19 - spiega Bori - oltre a isolare e trattare ogni caso sospetto di infezione, è fondamentale fare una ricerca tempestiva e accurata di tutte le persone che possono essere state esposte al caso durante il periodo di contagiosità. In questo quadro, è opportuno considerare la medicina veterinaria preventiva, che assume nello scenario odierno una grande importanza perché fornisce gli strumenti per poter indagare fattori di rischio e cause di malattia, al fine di garantire una sorveglianza epidemiologica continua".