Lo chef umbro salentino Giancarlo Polito
Lo chef umbro salentino Giancarlo Polito

Perugia, 23 aprile 2019 – Nel giorno di Pasquetta sul terreno dello stadio Curi si è disputata la partita Perugia-Lecce. La sfida calcistica ha ispirato lo chef Giancarlo Polito, pugliese di origine e umbro di adozione, che per l’occasione ha elaborato un piatto semplice e gustoso. Si tratta del frascarello ai tre pomodori in crema di melanzana affumicata, un piatto povero della tradizione nostrana, rivisitato con i colori giallorossi del Lecce. Calcio e cucina sono tra le più grandi passioni degli italiani, per questo il vulcanico chef ha pensato bene di stuzzicare i lettori de La Nazione con un’autentica provocazione culinaria. «Il frascarello – spiega Polito – è un piatto semplicissimo, che si fa spruzzando con le mani l’acqua sulla farina e setacciando i grumi che si formano e che verranno successivamente cotti. Sono molto buoni, sia in brodo che con un sugo semplice, senza carne». La specialità creata per l’occasione dallo chef non è ispirata soltanto al match sportivo, ma è anche un omaggio ai colori della primavera e ai prodotti della campagna. «Il cibo unisce – sottolinea Polito – e anche le rivalità calcistiche possono affievolirsi a tavola». Poi un invito ai patron del Perugia Calcio e del Lecce, Massimiliano Santopadre e Saverio Sticchi Damiani: «Li invito alla mia tavola – dice – per un momento di convivialità che vada oltre la gara. Il problema sarà scegliere il vino: Primitivo o Sagrantino?» La sfida, insomma, non finisce mai.

CHIARA SANTILLI