Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Itinerari, ecco l'ippovia di Francesco per le escursioni a cavallo

Il progetto di Sviluppumbria insieme a quattro Comuni e alla Regione Umbria

Ultimo aggiornamento il 1 settembre 2017 alle 19:12
Un'ippovia

Perugia, 1 settembre 2017 - È un percorso di circa 50 chilometri, riservato ai turisti a cavallo, che unisce Gubbio, Valfabbrica e Assisi, estendendosi a Nocera Umbra dove si tiene la cavalcata di Satriano, l'ippovia realizzata da Sviluppumbria insieme ai quattro Comuni (nel protocollo d'intesa è coinvolta anche la Regione).

Lungo il tragitto, tracciato con il Gps, saranno previsti tutti i servizi per cavalli e cavalieri, come punti di sosta e di ristoro, una rete di assistenza con maniscalchi e studi veterinari. Ogni tratto dell'ippovia sarà inoltre identificata, segnalandone il livello di difficoltà, il dislivello e l'inclinazione del versante, la lunghezza, la presenza di guadi, il tempo di percorrenza. È stata poi dotata di tabelloni ed è in corso l'adeguamento di tutti gli ostacoli che non possono essere percorse con il cavallo. L'ippovia fa poi riferimento a una rete di maneggi e centri equestri che possono accompagnare i turisti sul percorso.

«L' Umbria ha caratteristiche molto appropriate per sviluppare forme di escursionismo a cavallo, in parallelo con quello pedonale e ciclabile» ha spiegato Cristina Giulianelli, Area Promozione Integrata e Turismo di Sviluppumbria.

«Lo sviluppo di infrastrutture per la mobilità, che permettano un approccio sostenibile - ha aggiunto -, facilita senz'altro un tipo di fruizione capillare ed equilibrato del nostro territorio, ricco di elementi storici, artistici, ambientali e paesaggistici. L'iniziativa è anche una grande opportunità per lo sviluppo economico locale, a patto che non sia frammentata ed episodica ma sia inserita in un vero e proprio sistema di turismo integrato». Il protocollo d'intesa è stato firmato alla presenza di numerosi giornalisti presenti al Forum per la Custodia del creato per iniziativa della onlus Greenaccord.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.