Siena-Pisa, un'azione del match (foto Di Pietro)
Siena-Pisa, un'azione del match (foto Di Pietro)

Siena, 7 novembre 2018 - La Robur fa suo il derby con il Pisa, recupero della seconda giornata. Grazie al gol di Gliozzi e al super intervento di Contini a tempo ormai scaduto. Sorprende tutti il mister bianconero Michele Mignani che per la prima volta schiera una difesa a tre con l’esordio del giovane Romagnoli. La coppia d’attacco è quella formata da Cianci e Gliozzi, supportata da Aramu. Non cambia sistema il tecnico nerazzurro D’Angelo: De Vitis stringe i denti ed è in campo, mentre Gucher finisce in panchina. Gioca Izzillo, il regista è Marin.

Parte bene il Siena che si fa vedere subito dalle parti di Gori con Gliozzi, fermato al limite dell’area senza che l’arbitro ravveda falli. A parte il colpo dalla distanza di Izzillo, le azioni più pericolose sono tinte di bianconero. La punizione di Aramu trova Cianci che segna, ma è alzata la bandierina del fuorigioco (8’). Una manciata di secondi e lo stesso Aramu si avventa sulla smanacciata di Gori: tocca un difensore, forse con la mano, e la Robur protesta. Carella lascia proseguire. I bianconeri spingono e al 27’ Cianci, su assist perfetto di Brumat, segna ancora, ma per l’arbitro commettendo fallo. Tutto da rifare. E’ un buon momento per la squadra di Mignani e al 31’ è bravo Zanon a superare Birindelli per servire Aramu: il gran sinistro di prima dell’attaccante viene murato dalla difesa pisana. Dall’altra parte è De Vitis a sprecare: non ha problemi contini sull’incornata del centrocampista. Le squadre rientrano negli spogliatoi tra le proteste del Franchi per la scarsa fiscalità di Carella (e a farne le spese è il dt del Siena Davide Vaira, allontanato dalla panchina).

E appena ne riescono la Robur trova gloria: è il 2’, quando sugli sviluppi di un angolo (a batterlo l’ottimo Aramu), Gliozzi di testa fa 1-0. La reazione che ti aspetti, dal Pisa, non arriva, ed è anzi il Siena a sfiorare il vantaggio: la gran botta di Gerli ispira Gori che alza sulla traversa e salva i suoi. Lo stesso fa Contini al 30’ quando ci prova il nuovo entrato di Quinzio: i cambi hanno dato nuova linfa al Pisa e al 35’ è rischioso, ma provvidenziale l’intervento di Brumat, sulla linea, su Cernigoi. Il Pisa tenta il tutto e per tutto nei minuti finali, fino a quando il guardalinee Mittica non si infortuna e viene portato via in barella (le bandierine all’addetto agli arbitri del Siena Ernetti e al team manager del Pisa Freggia) e l’ultimo affondo potrebbe essere quello del pareggio. Un super Contini, però, dice no a De Vitis.

Tabellino

SIENA (3-4-1-2): Contini; Romagnoli (43’ st D’Ambrosio),Russo, Rossi; Brumat, Gerli, Vassallo, Zanon (37’ st Guberti sv); Aramu (34’ st Cristiani); Cianci (37’ st Imperiale), Gliozzi. A disp.: Cefariello, Nardi, De Santis, Arrigoni, Di Livio, Fabbro, Sbrissa, Imperiale. All.: Mignani.

PISA (3-5-2): Gori; Masi (37’ st Buschiazzo), Brignani, Meroni; Birindelli ( 20’ st Cernigoi), Izzillo (20’ st Di Quinzio), Marin, De Vitis, Lisi; Masucci (36’ pt Cuppone) Marconi. A disp.: D’Egidio, Cardelli, Zammarini, Liberati, Maffei, Gucher. All.: D’Angelo.

ARBITRO: Carella di Bari .
Guardalinee: Mittica e Politi.

MARCATORI: 2’ st Gliozzi (S).
AMMONITI: Aramu (S), Meroni (P), Vassallo (S), Cuppone (P), Brignani (P), Cianci (S).
NOTE: Al 46’ pt allontanato il dt Vaira (S) per proteste. Spettatori 1978 abbonati, 850 paganti, incasso euro 19150. Angoli 9-7 per il Siena. Recupero, pt 1’, st 5’+2’.