Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

La Fiorentina e il saluto alla curva al termine della gara ricordando Astori (Germogli)

Firenze, 2 settembre 2018 - Fiorentina ancora nel segno di Marco Benassi. Una girata del centrocampista viola basta alla squadra di Stefano Pioli per centrare la seconda vittoria consecutiva. Dopo i lampi nella goleada contro il Chievo, questa vola alla Fiorentina servono sudore e fatica per mettere ko l'Udinese. Fiorentina non bella, appesantita e senza ritmo, ma capace di avere pazienza e di colpire a diciassette minuti dalla fine.

L'asse Chiesa-Benassi è l'opzione migliore dell'attacco viola e la conferma arriva proprio sul gol. Lancio al bacio di Federico, Benassi lascia rimbalzare due volte il pallone e da dentro l'area di rigore fulmina Scuffet sotto la traversa. E' il terzo gol stagionale dell'ex Torino, il miglior modo per festeggiare la chiamata in Nazionale da parte del commissario tecnico Roberto Mancini.

La Fiorentina come detto non brilla, ma gestisce bene un'Udinese che sulla carta ha tanti interpreti offensivi, ma non riesce mai a rendersi veramente pericolosa. Nel primo tempo il migliore è sempre Chiesa, che quando accende porta grattacapi alla difesa friulana. L'occasione più nitida è con Biraghi, che da dentro l'area di rigore però fa capire che il destro non è il suo piede preferito e mette alto. L'Udinese tiene con ordine il campo, ma non è mai pericolosa.

Dopo lo 0-0 dell'intervallo, nella ripresa si riparte con Dragowski al posto di Lafont infortunato. La partita si fa più spigolosa, la Fiorentina ha voglia di vincerla e ci prova in maniera però troppo disordinata. Al 64' Pioli gioca la carta Pjaca. L'entrata del croato spaventa la difesa dell'Udinese che si abbassa troppo. Alla lunga, la volontà della Fiorentina di portare a casa la vittoria prevale.

Giocata meravigliosa di Chiesa che pesca in profondità Benassi. Il resto è un capolavoro del centrocampista che indovina sul palo di Scuffet una traiettoria imparabile. Boato del Franchi, che festeggia anche un dato sugli abbonamenti impressionante: 21205. L'Udinese prova il tutto per tutto: Velazquez butta dentro Teodorczyk, poi anche D'Alessandro e Vizeu per l'arrembaggio finale, ma è la Fiorentina a sfiorare il raddoppio con Chiesa e Dabo.

Dopo cinque minuti di recupero è tripudio viola. Inizio migliore di campionato proprio non poteva esserci.

IL TABELLINO

FIORENTINA (4-3-3): Lafont (46' Dragowski); Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo, Biraghi; Benassi, Edimilson, Gerson (83' Dabo); Chiesa, Simeone, Eysseric (64' Pjaca). Allenatore: Pioli.
UDINESE (4-2-3-1): Skuffet; Stryger Larsen, Nuytinck (88' Vizeu), Troost-Ekong, Samir; Behrami (80' D'Alessandro), Fofana; Machis, De Paul, Pussetto (62' Teodorczyk); Lasagna Allenatore: Velazquez.
Arbitro: Giua di Colangianus.
Rete: 73' Benassi.
Note - Ammoniti: Gerson, Fofana, Pezzella e Biraghi.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.