Catania-Siena (foto LaPresse)

Catania, 10 giugno 2018 - L’epilogo più dolce dopo 120’ di battaglia (poco) sportiva contro un Catania bravo nel portare gli ingenui nel terreno più scosceso, quello della rissa e delle recriminazione. Non è però bastato e nonostante tutto la Robur Siena  stacca il pass per la finale di Pescara dove incontrerà il Cosenza.

Marotta e compagni vincono 4-3 ai rigori al massimo dopo aver perso nei tempi regolamentari 2-1. La gara si era anche messa bene, col vantaggio di Santini alla mezzora, ma poi gli errori sotto porta e le solite carenze caratteriali dei bianconeri avevano rimesso in gara un orgoglioso ma troppo lamentoso Catania che prima pareggiava con Curiale nel finale di primo tempo e poi col rigore di Lodi andava in vantaggio mettendo tutto in parità con l’andata. Nel finale dei tempi regolamentari viene espulso Iapichino ma il Siena ha comunque la palla del 2-2 con Guberti che incredibilmente la spreca.

Nei supplementari tanta sofferenza, anche prima del secondo giallo a Rondanini. Lodi centra la traversa su punizione al 117’. È il segnale che la fortuna è girata e ai rigori sono più freddi i bianconeri: sbaglia solo Bulevardi, mentre sono glaciali Gerli, Damian, Sbraga e Marotta. Per il Catania sbagliano Blondett e Mazzarani. La Robur vince 4-3, è in finale. Sabato contro il Cosenza mancheranno molto pezzi da novanta ma adesso è tempo di festeggiare un successo che ad un certo punto sembrava impossibile.

Il tabellino: 
CATANIA (3-5-2)
Pisseri; Aya (1’ts Blondett), Tedeschi, Bogdan; Barisic (8’st Russotto dal 35’st Manneh)), Lodi, Biagianti (27’st Mazzarani), Rizzo, Porcino; Curiale, Caccavallo (8’st Di Grazia).
A disposizione: Martinez Martinez, Semenzato, Brodic, Marchese, Bucolo, Esposito, Ripa.
Allenatore Lucarelli.
ROBUR SIENA (4-3-3)
Pane; Rondanini, Sbraga, Panariello, Iapichino; Bulevardi, Gerli, Vassallo (38’st Mahrous); Neglia (38’st Damian), Marotta, Santini (29’st Guberti dal 1’ts Cleur).
A disposizione: Rossi, Crisanto, Dossena, D’Ambrosio, Emmausso, Guerri, Solini, Brumat.
Allenatore Mignani
Arbitro Maggioni di Lecco (Lombardo-Mokhtar).
Recuperi: 0 e 4. Nei ts 1 e 0.
Ammoniti: Biagianti, Santini, Caccavallo, Vassallo, Bogdan, Bulevardi, Gerli, Rondanini, Iapichino,
Espulsi: Iapichino al 33’st, Rondanini all’11’sts.
Reti: 31’pt Santini, 44’pt Curiale, 21’st Lodi (rig.)