Firenze, 13 maggio 2019 -  Da Vinci a Orbetello, dal paese di Leonardo alla Maremma. Sará spettacolare la terza tappa del Giro d’Italia, con il secondo arrivo in Toscana dopo quello di una domenica 12 maggio in cui in volata ha vinto il tedesco Ackermann. Una tappa di 220 km, una delle piú lunghe del Giro. Che vede un arrivo adatto ai velocisti, visto che gli ultimi 30 km saranno quasi del tutto pianeggianti.

Partenza da Vinci con omaggio a Leonardo. Al villaggio di partenza ci sará il classico foglio firme, con la passerella dei campioni. Quindi la partenza. Poggio all’Aglione, nel Comune di Gambassi Terme, è una delle tre asperità di giornata. Il gruppo attraverserà la provincia di Firenze, poi quella di Siena con il passaggio da Poggibonsi. Quindi l’ingresso in Maremma.

L’unico Gran premio della montagna è a Poggio L’Apparita, nel comune di Magliano in Toscana, a una quarantina di km dall’arrivo. La carovana pubblicitaria passerá un’ora prima circa degli atleti: il “via” per loro è alle 12.10. Principali passaggi: Poggibonsi (Siena) 13.50, bivio di Montieri (Grosseto) 15.17, Grosseto (via Telamonio) 16.19. Arrivo a Orbetello alle 17.20 sul lungomare Marinai d’Italia.