Pistoia, 7 settembre 2018 - Il leone dello spettacolo pistoiese. Ruggisce, Pratesi. Riecco Lorenzo Pratesi, animo sensibile ma potenza da leone. E volontà, una grande innegabile volontà. Per lui un settembre di spettacoli. Dopo i 1500 biglietti staccati per sei tutto esaurito complessivi dello scorso inverno/primavera di “Lei non sa chi sono io”, il commediografo regista attore pistoiese, public relation di sé stesso, tornerà in scena con la stessa commedia in tre date e altrettanti luoghi: non semplice, non male per uno che fa tutto da solo, senza agenti o intermediari.

S’incomincerà sabato 15 settembre, con inizio alle ore 20 al bistrot Marea di Marina di Pietrasanta (cena con commedia), si proseguirà mercoledì 19 alle 21 al Teatro Nazionale di Quarrata, si finirà domenica 23 alle 17.30 al Teatro Testoni di Alto Reno Terme, il nuovo comune unico montano. Tre esibizioni, che si augura abbiano il medesimo travolgente successo delle precedenti (i tagliandi sono già in vendita, che procede spedita), di cui una a scopo benefico, com’è peraltro nel suo stile.

“A Quarrata lo spettacolo è in collaborazione con la cooperativa L’Orizzonte – spiega – che si occupa del sostegno alle persone con disabilità, con problematiche varie. Un gesto di solidarietà verso chi sta peggio di noi. Mi pare giusto”. Sul palco lui, istrionico, e numerosi brillanti attori e sensuali ballerine. “Questo testo, pur senza riferimenti espliciti a politici o personaggi della tv, ha cavalcato bene l’onda – fa sapere, sorridente –: è stato ‘facile’, trash-populista com’è l’attuale periodo italiano. Dopo questi tre appuntamenti, prometto che mi dedicherò ad altro. Nelle vesti di segretario nazionale di Anses, allestirò 4 corsi: difesa personale, musicoterapia, teatro terapia e danza terapia”.

Come dire, farò qualcosa di più impegnato, ma non di più serio. Perché Pratesi è serio, non serioso, soprattutto con la battuta, sferzante. Serio quando sorride, facendo naturalmente sorridere. Il segreto della sua simpatia travolgente. “In attesa dei corsi, godetevi i nostri dialoghi e le tante belle figliole che balleranno e faranno show”. Giusto così: divertiamoci seriamente.

Gianluca Barni