Paolo Rossi
Paolo Rossi

Un mese stellare quello di febbraio al Teatro del Popolo di Castelfiorentino. Sul palcoscenico si alterneranno attori di primissimo piano del panorama teatrale nazionale.  

Si comincia venerdì 1 febbraio alle  21.00 con uno degli spettacoli più attesi della stagione: in scena Paolo Rossi con Il re anarchico e i fuorilegge di Versailles- da Molière a George Best.

Paolo Rossi, il più imprevedibile e incisivo degli attori comici italiani, qui presente non solo nella veste di autore, ma anche di regista e interprete, prosegue il lungo viaggio attorno al pianeta Moliere. Il re anarchico e i fuorilegge di Versailles è il racconto di un sogno, attraverso cui la compagnia arriva finalmente a destinazione, è un varietà onirico di diversi numeri e di diversi livelli di espressioni artistiche, che spaziano dalla prosa alla musica. Ancora una volta si incrociano con le visioni del tempo presente la storia del conflitto tra il potere e i fuorilegge, intesi come coloro che vivono ai margini della strada e non hanno voce, il bilico tra la scena e la vita, tra il teatro e il potere.Uno spettacolo di teatro, sogno, speranza, parola, musica e risate.

Biglietto posto unico 15€, loggione 8€.

Domenica 10 febbraio alle 17.00 Recital lirico, un concerto con tre cantanti di fama nazionale ed internazionale, che si esibiranno nelle più famose arie e duetti dei più grandi compositori italiani (Verdi, Puccini, Donizetti, Bellini, Rossini e Mascagni) e stranieri (Mozart, Offenbach e Bizet).

Posto unico 15€, ridotto soci coop 12€, loggione 8€.

Martedì 12 e mercoledì 13 febbraio Marco Paolini porta in scena Nel tempo degli Dei: il calzolaio di Ulisse di Marco Paolini e Francesco Niccolini. con Saba Anglana, Vittorio Cerroni, Lorenzo Monguzzi, regia Gabriele Vacis.

Perché questa è una storia di dèi, mostri, uomini e guerrieri, maledettamente imparentati e legati fra di loro. E il perno è Ulisse, nipote di Hermes, amato e protetto da Atena, da Poseidone perseguitato, da Calipso immensamente desiderato e concupito da Circe. Intorno a questo signor Nessuno prima o poi incontri tutto il resto, ramificato e contorto come l’immenso ulivo nel quale scolpì il talamo nuziale suo e di Penelope, la donna che vent’anni – non si sa come – seppe attenderlo. Infiniti i fili del racconto, e i suoi protagonisti: se ne potrebbe fare non uno, ma dieci di spettacoli. E dato che tutto qui dentro è collegato nel più incredibile e sorprendente “effetto domino” che storia ricordi, è obbligatorio rifarsi da zero, riavvolgere il nastro e da lì partire. E a grandi falcate, o bracciate oppure ancora in volo sulle spalle di un dio, raggiungere quel piccolo scoglio mediterraneo: Itaca.

Lì un ragazzino cresce. Suo padre è re. Suo nonno un baro, figlio del dio degli inganni. Su quell’isola il ragazzino diventa uomo, segnato nel corpo da un cinghiale che quasi gli sbrana una gamba, ma gli lascia in dono la scaltrezza. È diverso dagli altri condottieri: non è splendido in battaglia, spesso vince con l’inganno. Tiene gli occhi bassi, non per timore, ma perché concentra la mente, cosa che i principi più muscolosi e arroganti non riescono a fare: lui che non è bello, non è alto, non è un combattente invincibile e conosce la paura, lui sa pensare. Con la sua mente sa accrescere la confusione degli elementi e ne approfitta per sfuggire alle trappole e abbattere gli ostacoli che trova sulla sua strada. Costi quello che costi. E spesso è un prezzo durissimo.

Biglietti: platea e palchi 6/11 1° e 2° ordine € 20, ridotti € 18; rimanenti palchi 1° 2° e palchi 3° ordine € 18, ridotti € 16; loggione € 8. 1 € per il diritto di prevendita.

Sabato 16 febbraio alle 21.00 torna la rassegna Castelfiorentino in scena con lo spettacolo della compagnia teatrale Spiattori Il paradiso in multiproprietà, testo di Augusta Elena Giglioli, regia di Lucia Taddei.

In uno studio in multiproprietà si avvicendano professionisti o pseudo tali che garantiscono un po’di paradiso in cambio di esosi compensi. Una divertente commedia che affronta il rapporto tra coloro che provano un reale disagio quotidiano e chi se n'approfitta per speculare.

Posto unico 8€.

Mercoledì 20 febbraio alle 21.00 per la rassegna Teatro civile/La nostra storia arriva a Castelfiorentino una delle più promettenti attrici italiane Claudia Marsicano, vincitrice dell'edizione 2017 del Premio UBU, che propone il suo ultimo spettacolo R. OSA 10 esercizi per nuovi virtuosismi, una performance che si inserisce nel filone poetico di Silvia Gribaudi, coreografa che con ironia dissacrante porta in scena l’espressione del corpo, della donna e del ruolo sociale che esso occupa con un linguaggio “informale” nella relazionale con il pubblico

Posto unico 10€, loggione 8€.

Immancabile nel cartellone del Teatro del Popolo l’appuntamento con il vernacolo ed ecco venerdì 22 febbraio alle 21.00 la compagnia Il Grillo con L’acqua cheta con l’inossidabile Sergio Forconi nella parte di Stinchi.

E’ da ritenersi il capolavoro di Augusto Novelli, senza dubbio la commedia più conosciuta e più rappresentata nei teatri di tutta l’Italia del vernacolo fiorentino. Fu messa in scena per la prima volta al Teatro Alfieri di Firenze nel gennaio del 1908 e fu replicata per ventisei sere consecutive, dando il via alla rinascita del teatro dialettale fiorentino che fino ad allora era rimasto come fuoco sotto la cenere.

Posto unico 10€, loggione 8€.

Si chiude questo mese intensissimo martedì 26 febbraio con In nome del Padre di e con Mario Perrotta.

Perrotta veste i panni di tre uomini diversi e dedica ai padri il primo capitolo di una trilogia sulle mutazioni delle famiglie millennials e su quanto resta in loro di universale ed eterno. Illuminante il supporto psicanalitico di Massimo Recalcati che ha contribuito alla stesura della drammaturgia.

Posto unico 10€, loggione 8€

Per i giovani under 30 in possesso della Carta giovani sconti del 10% su tutti i biglietti.

Per gli studenti delle università in possesso della carta “Studente della Toscana” biglietto ridotto 8€. Riduzioni riservate agli under 30 con “Biglietto futuro”.

Gli studenti delle scuole superiori di Castelfiorentino avranno un biglietto omaggio ogni 4 acquistati.

Riduzioni riservate agli under 26 e gli over 65 anni, a portatori di handicap o a soggetti con invalidità riconosciute. Per ottenere la riduzione occorre presentare opportuna documentazione.

Le riduzioni non sono cumulabili.

La prevendita dei biglietti di tutti gli spettacoli della stagione è in corso presso la biglietteria del teatro tutti i martedì e giovedì (ore 17.00-19.00) e il sabato (ore 9.30-12.30 e 16.00-19.00).

Prevendita aperta anche presso Giallo Mare Minimal Teatro (via Paolo Veronese 10- Empoli tel 0571/81629-83758) dal lunedì al venerdì orario 9-13 e 14-18  e aperture su appuntamento.

Diritti di prevendita 1€.

Il programma della stagione e tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.teatrocastelfiorentino.it e sulla pagina Facebook Teatro Del Popolo Castelfiorentino.

Per informazioni Teatro del Popolo 0571 633482 e Giallo Mare Minimal Teatro 0571 81629-83758, info@giallomare.it.