Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Palio straordinario, 17 assemblee in contemporanea l’11 settembre

La decisione dei priori in Magistrato 

di LAURA VALDESI
Ultimo aggiornamento il 5 settembre 2018 alle 08:21
Alcuni priori si recano alla riunione (Foto Lazzeroni)

Siena, 5 settembre 2018 - «Abbiamo deciso di fare l’assemblea in contemporanea in tutte e 17 le Contrade l’11 settembre». L’annuncio ufficiale, dopo i rumors del pomeriggio che davano come possibile tale data, arriva alle 20.30, quando il rettore del Magistrato Pier Luigi Millozzi esce insieme al suo vice Paolo Betti (Civetta) dalla riunione con i priori durata due ore. Tutti i loro colleghi si erano intanto già allontanati per recarsi a cena nella Selva.

«L’11 settembre? Una data da brivido – commenta uno dei tanti contradaioli che si soffermano vedendo i giornalisti in attesa del verdetto –; lo sarà anche il risultato». Chissà. Certo è che anche ieri è arrivata in redazione una pioggia di telefonate per sapere se lo Straordinario si sarebbe corso. Soprattutto quando.

Molti non hanno ancora compreso che, in realtà, il percorso è in una fase ben più arretrata. Si sforza di chiarirlo il rettore Millozzi: «La riunione è durata a lungo perché ci siamo confrontati su alcuni aspetti che porteremo nelle assemblee facendo riferimento alla richiesta specifica del Comune. I popoli avranno modo di esprimersi come previsto dal Regolamento: le Contrade devono comunicare le adesioni, non c’è scritto che per forza va organizzata l’assemblea. Tuttavia abbiamo ritenuto che questa fosse la strada giusta, come peraltro fu fatto nel 2009, in occasione della consultazione per il Palio straordinario che si voleva dedicare al Costituto».

Quanto alle due Contrade sulla testa delle quali pende la spada di Damocle delle squalifiche, organizzeranno come le altre l’assemblea per dire sì o no. «Ragioniamo sulla situazione attuale», conferma Millozzi aggiungendo «che non si è parlato di date possibili perché, nel caso, spetta al consiglio comunale».

Il toto-voto è già iniziato. C’è chi dice che ci sarà un testa a testa – 9 contrarie e 8 favorevoli – ma si tratta soltanto di rumors. Di sicuro i giovani andranno in assemblea a votare perché si corra mentre chi ha i capelli bianchi preferisce passare la mano, magari al 2019 quando una terza Carriera potrebbe essere organizzata per tempo.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.