Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Pisa ospita la mostra "Disegnare sogni: il cinema di Silvano Campeggi (1946-1969)"

Ultimo aggiornamento il 5 luglio 2017 alle 11:51
Fondazione Palazzo Blu

La mostra, promossa da Fondazione Palazzo Blu e curata da Giorgio Bacci, con il Patrocinio della Scuola Normale Superiore e del Comune di Pisa, grazie a una ricca documentazione iconografica (tra cui numerosi bozzetti originali e foto di scena, per un totale di oltre 100 opere), restituisce al visitatore la complessità e la varietà degli interventi grafici di Silvano (Nano) Campeggi, consentendo a un ampio pubblico di ammirare le locandine e i manifesti cinematografici prodotti da uno dei maggiori cartellonisti tra il 1946 e il 1969, e di entrare nel meccanismo stesso di produzione delle immagini.

Ben Hur e Via col vento, Vacanze romane e Singin’ in the rain, Grace Kelly e Audrey Hepburn, Clarke Gable e James Dean: sono soltanto alcuni dei film e degli attori che il ‘primo artificiere sentimentale’ (definizione di Gian Piero Brunetta), Silvano Campeggi, ha immortalato nei suoi oltre 3.000 manifesti.  ‘Nano’, come si firma nelle sue opere, è stato sicuramente uno tra i più famosi e apprezzati illustratori di manifesti cinematografici, tanto da essere inviato direttamente a Hollywood a ritrarre dal vivo Marilyn Monroe in occasione dell’uscita de Il Principe e la ballerina (1957).

In circa venti anni, intensissimi, di attività, Campeggi ha cambiato il modo di vedere il cinema e la pubblicità connessa, si è smarcato da stilemi e accenti ancora legati all’ editoria popolare otto-novecentesca e, traghettando l’immagine ‘mediale’ nell’epoca contemporanea, è riuscito a coniugare un’eccezionale abilità artistica con i nuovi tempi, accelerati, di lettura delle immagini, costruendo l’immaginario visivo e culturale di intere generazioni.

Promossa da:
Fondazione Palazzo Blu con il patrocinio della Scuola Normale Superiore e del Comune di Pisa

A cura di:
Giorgio Bacci

Luogo e date:
Pisa, Palazzo Blu, dal 1° giugno al 1° ottobre 2017

Catalogo:
Disegnare sogni: il cinema di Silvano Campeggi (1946-1969), a cura di G. Bacci, Pisa, Felici editore, 2017. Testo Italiano/Inglese.


A cura di  Fondazione Palazzo Blu

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.