Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Atletica, "Yoghi" Chiappinelli vince uno splendido bronzo europeo

Nei 3mila siepi l'atleta senese di origine etiope ha condotto una gara intelligente e coraggiosa. "Dedicata al mio allenatore e ai miei genitori"

di ROBERTO DAVIDE PAPINI
Ultimo aggiornamento il 9 agosto 2018 alle 22:04
L'azzurro Johanes Chiappinelli (Ansa)

Siena, 9 agosto 2018 - Parla senese la seconda medaglia azzurra agli Europei di atletica leggera di Berlino. A vincere il bronzo, infatti, è stato Yohanes Chiappinelli, con una splendida gara sui 3mila siepi vinta dal francese Mahiedine Mekhissi-Benabbad, davanti allo spagnolo Fernando Carro. 

Classe 1997, nato ad Addis Abeba in Etiopia, Chiappinelli ("Yoghi" per gli amici) è stato adottato quando aveva sette anni da una famiglia senese e vive e si allena nella città del Palio, anche se gareggia per i Carabinieri Bologna. Chiappinelli, allenato da Maurizio Cito,  ha condotto una gara intelliggente e di grande personalità, e nell'ultimo giro, dopo essere stato superato da Carro, ha difeso con grande carattere e un bel finale il suo terzo posto.

"Alla fine non ero molto sicuro del terzo posto _ha detto ai microfoni Rai Chiappinelli subito dopo l'arrivo_  sapevo che c'erano avversari molto forti che potevano rientrare. Oggi ho adottato una tattica un po' diversa rispetto a quella delle qualifiche, ho preferito essere più prudente, sono rimasto insieme al gruppo e poi ho cercato di aumentare il ritmo quando ho visto che i francesi si scambiavano le posizioni. E' stata la scelta giusta. Questo stadio è fantastico, il pubblico tifa per tutti, è stata un'emozione bellissima. E' una medaglia che dedico a me stesso, al mio allenatore che mi segue da 10 anni e ai miei genitori".

La prima medaglia italiana a Berlino era stata quella di Yeman Crippa sui 10mila metri: anche lui è nato in Etiopia ma è trentino d'adozione.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.