Siena, 9 agosto 2018 - Parla senese la seconda medaglia azzurra agli Europei di atletica leggera di Berlino. A vincere il bronzo, infatti, è stato Yohanes Chiappinelli, con una splendida gara sui 3mila siepi vinta dal francese Mahiedine Mekhissi-Benabbad, davanti allo spagnolo Fernando Carro. 

Classe 1997, nato ad Addis Abeba in Etiopia, Chiappinelli ("Yoghi" per gli amici) è stato adottato quando aveva sette anni da una famiglia senese e vive e si allena nella città del Palio, anche se gareggia per i Carabinieri Bologna. Chiappinelli, allenato da Maurizio Cito,  ha condotto una gara intelliggente e di grande personalità, e nell'ultimo giro, dopo essere stato superato da Carro, ha difeso con grande carattere e un bel finale il suo terzo posto.

"Alla fine non ero molto sicuro del terzo posto _ha detto ai microfoni Rai Chiappinelli subito dopo l'arrivo_  sapevo che c'erano avversari molto forti che potevano rientrare. Oggi ho adottato una tattica un po' diversa rispetto a quella delle qualifiche, ho preferito essere più prudente, sono rimasto insieme al gruppo e poi ho cercato di aumentare il ritmo quando ho visto che i francesi si scambiavano le posizioni. E' stata la scelta giusta. Questo stadio è fantastico, il pubblico tifa per tutti, è stata un'emozione bellissima. E' una medaglia che dedico a me stesso, al mio allenatore che mi segue da 10 anni e ai miei genitori".

La prima medaglia italiana a Berlino era stata quella di Yeman Crippa sui 10mila metri: anche lui è nato in Etiopia ma è trentino d'adozione.