di Andrea Ronchi Ieri oltre 100 giocatori si sono ritrovati al Royal Golf La Bagnaia per prendere parte alla Pro Am La Nazione. 25 professionisti provenienti da tutta Italia hanno guidato altrettante squadre composte da 4 giocatori di cui 3 dilettanti. Il meraviglioso contesto delle colline senesi ha fatto da cornice all’evento iniziato venerdì con la prova del percorso. Le 18 buche disegnate da Robert Trent Jones Jr. necessitano infatti di attenta interpretazione, specie nella zona dei green dove si trovano le...

di Andrea Ronchi

Ieri oltre 100 giocatori si sono ritrovati al Royal Golf La Bagnaia per prendere parte alla Pro Am La Nazione. 25 professionisti provenienti da tutta Italia hanno guidato altrettante squadre composte da 4 giocatori di cui 3 dilettanti.

Il meraviglioso contesto delle colline senesi ha fatto da cornice all’evento iniziato venerdì con la prova del percorso. Le 18 buche disegnate da Robert Trent Jones Jr. necessitano infatti di attenta interpretazione, specie nella zona dei green dove si trovano le buche. La competizione ha preso il via sotto il sole che ha acceso il verde dei fairway, bramate piste di atterraggio per i colpi dal tee. La gara prevedeva sia una classifica a squadre e una individuale per i professionisti. Riflettori puntati sui numerosi campioni in campo già protagonisti in campionati italiani ma anche tour europei. Jacopo Vecchi Fossa lo scorso anno fissò il record del campo in 62 colpi, ben 9 meno del par previsto. Con lui Federico Colombo, Alessio Bruschi, Alessandro Tadini, Tommaso Perrino e Chiara Brizzolari. I pro non hanno disatteso le aspettative dando vita a un grande spettacolo che i dilettanti hanno potuto osservare da vicino.

Ha vinto il milanese Federico Zucchetti, anch’egli con trascorsi sui tour, che ha completato le 18 buche in 68 colpi. Alle sue spalle, a una sola lunghezza, ben 4 giocatori tra i quali Patrick Actis Alesina e Jacopo Vecchi Fossa che ha completato il podio. "Ringrazio tutti i presenti per la bella giornata di golf trascorsa insieme - ha detto Bruno Riffeser Monti nel corso della premiazione – È stata una gara che ha unito divertimento ad agonismo ed è stata resa possibile con il supporto delle aziende che hanno deciso di affiancare il nostro quotidiano nella sponsorizzazione ma anche le persone che hanno lavorato con impegno e passione alla riuscita dell’evento." Insieme ai professionisti sono stati premiate le migliori due squadre della classifica lorda e tre di quella netta.

Il team composto da Jacopo Vecchi Fossa, Matilde Trocchi, Andrea Squarcetti e lo stesso Bruno Riffeser Monti ha mantenuto fede al pronostico vincendo con 130 colpi totali. Numerosi anche i premi speciali messi a disposizione dalle aziende che hanno affiancato La Nazione: il Bisonte, con le proprie produzioni in pelle, l’Acqua di Fiesole, con le creme naturali, Banfi, che ha messo in palio magnum del proprio Nettare. Anche Banca Arval, Locman e l’olio di La Bagnaia hanno impreziosito la premiazione che ha avuto luogo a fianco del prato della buca 18. La giornata è terminata con il rinfresco al ristorante che domina l’intero percorso.