Dopo il ko contro Sassari, il primo della nuova stagione, la Ego Handball ieri ha usufruito di un giorno di riposo. Coach Dumnic rivedrà i suoi oggi al PalaEstra con una doppia seduta. Il tecnico parlerà con i giocatori di cosa non è andato sabato sera, quando Sassari, più esperta e cinica, ha sfruttato al meglio ogni disattenzione di Nikocevic e compagni....

Dopo il ko contro Sassari, il primo della nuova stagione, la Ego Handball ieri ha usufruito di un giorno di riposo. Coach Dumnic rivedrà i suoi oggi al PalaEstra con una doppia seduta. Il tecnico parlerà con i giocatori di cosa non è andato sabato sera, quando Sassari, più esperta e cinica, ha sfruttato al meglio ogni disattenzione di Nikocevic e compagni. Evidentemente la Raimond è una formazione che la Ego mal digerisce visto che negli ultimi tre precedenti, incluso quello del torneo amichevole andato in scena in Sardegna un mese fa, i sardi hanno sempre avuto la meglio su Siena.

Le sconfitte però, specie per squadre così nuove e giovani, fanno parte di un necessario percorso di crescita che richiede tempo e lavoro. In più, anche se non è una scusante come coach Dumnic ha detto fin dall’inizio, alla Ego Handball manca la punta di diamante ovvero Felipe Gaeta, ancora ai box per un problema alla spalla nato durante gli ultimi di stagione a Bolzano ma in fase di miglioramento visto che dovrebbe essere a disposizione già per la prima settimana di ottobre o al massimo per la seconda. A parte il big match del PalaEstra la seconda giornata di A1 di pallamano non ha regalato grossi sussulti nella altre gare. La neo promossa Cingoli ha bloccato in casa sul pareggio Merano mentre Fondi ha reso la vita difficile ai campioni in carica di Bolzano, che hanno vinto in casa dei pontini 30-28 dopo una gara in salita. Combattuto il successo di Cassano Magnago (23-22) a Bressanone, nell’altro scontro diretto per l’alta classifica di giornata. Successi più netti per Trieste, avversaria della Ego sabato (alle ore 19) in Friuli Venezia Giulia, contro Fasano (al secondo ko di fila) e per Appiano contro l’altra neopromossa, Molteno. Ha osservato un turno di riposo invece Pressano, guidata dall’ex Siena Alessandro Fusina.

g.d.l.