Siena, 25 maggio 2018 - La Sovrana Pulizie perde gara-2 al PalaCorsoni, con Livorno che pareggia la serie. Ma di questa partita si parlerà tanto. Sul match pesa la gomitata a palla lontana di Toppo a Simeoli che spedisce il centro virtussino all’ospedale. La Virtus si presenta sul parquet senza Pucci, fermato da una distorsione alla caviglia nell’allenamento di mercoledì. La partita inizia sulla stessa falsariga di gara-1. Dopo il vantaggio Virtus firmato Simeoli, Livorno si accende e allunga. Prima Toppo e poi Burgalassi firmano il 4-10 esterno. La Pielle sembra quella di domenica e continua a macinare canestri in attacco. Il vantaggio arriva in doppia cifra (4-14) grazie ai punti di Dell’Agnello e Malvone, ma la Sovrana risponde con Lenardon e Olleia riportandosi a -5. Ed è qui che arriva il fallo criminale di Toppo che decide di eliminare dalla partita Simeoli mandandolo in ospedale con l’ambulanza. La gomitata a palla lontana dell’ex centro di Pistoia è vergognosa ed il mancato fischio di due arbitri inadeguati altrettanto. Il PalaCorsoni si scalda e diventa una bolgia, mentre coach Tozzi inserisce Ndour per Simeoli visto che anche Pucci è in panchina ma solo per onor di firma. Livorno corre e chiude sul 14-26 con i canestri di Toppo.

Nel secondo periodo i canestri di Ndour e Lenardon riportano in scia la Sovrana. I rossoblu si riportano a -6 (25-31), ma l’estro di Buzzo, che segna due triple da 8 metri, consente alla Pielle di allungare ancora sul 29-38. Olleia dà il nuovo -5 alla Virtus, ma sul finire di quarto i biancoblu segnano ancora con Buzzo chiudendo all’intervallo lungo sul + 8 (40-48). La terza frazione si apre con due triple della formazione di coach Tozzi, una di Nepi e una di uno stoico Lenardon. La Virtus si rifà sotto portandosi a -4, ma stavolta è Roljic a ricacciare indietro il tentativo di rimonta senese. Due triple dell’esterno slavo riportano Livorno a +9. La Sovrana Pulizie cerca di mantenersi in scia e grazie alla preghiera da metà campo di Imbrò sulla sirena si porta al terzo intervallo sul -5. I rossoblu hanno anche problemi di falli, con Olleia e Bianchi gravati di 4 penalità. Gli arbitri, che affibbiano il quarto tecnico ai virtussini, espellendo Tozzi. La gara è vibrante e la Sovrana ci crede. Prima Lenardon e poi Imbrò accorciano, ma quando Bianchi mette la tripla del +1 il PalaCorsoni diventa una bolgia. Si arriva al finale punto a punto. Livorno è più lucida e con la trpla di Roljic e i liberi dello stesso giocatore slavo chiude la contesa. Il rammarico è per non averla potuta giocare alla pari. Adesso la serie si sposta a Livorno. Domenica alle 19 va in scena gara-3.

Sovrana Siena 80

Pielle Livorno 84

SOVRANA PULIZIE: Ceccatelli 3, Mucci ne, Bianchi 4, Simeoli 4, Olleia 13, Lenardon 27, Imbrò 14, Ndour 5, Nepi 10, Pucci, Guilavogui ne, Falchi. All. Tozzi.

PIELLE LIVORNO: Massoli, Bertolini ne, Burgalassi 8, Malvone 13, Toppo 14, Cianetti ne, Capobianchi 3, Dell’Agnello 5, Roljic 19, Venditti, Benini 8, Buzzo 14. All. Da Prato. Parziali: 14-26; 40-48; 63-68.

Gabriele Voltolini