Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Terremoto Cardin: slitta la sostituzione. La Lega chiede tempo

Vescovi: "Nessun dramma, ringrazio Nicoletta"

di ORLANDO PACCHIANI
Ultimo aggiornamento il 14 luglio 2018 alle 07:04
Nicoletta Cardin

Siena, 14 luglio 2018 - Si saprà forse all’inizio della prossima settimana il nome dell’assessore destinata a subentrare a Nicoletta Cardin, la leghista travolta dalle polemiche esterne e interne che giovedì sera ha rimesso il mandato nelle mani del sindaco. Dimissioni accettate, anche se per il momento non c’è il nome della sostituta. La Lega ha chiesto tempo prima di indicare il proprio nominativo e il sindaco ha acconsentito, anche per ragionare più approfonditamente su quanto accaduto e sui passi da compiere.

Il coordinatore regionale della Lega Manuel Vescovi prova a gettare acqua sul fuoco: "Non vedo alcun dramma. Ringraziamo Nicoletta per questa decisione, lei voleva solo lavorare ma quando si è trovata in una situazione così spiacevole ha preferito fare un passo indietro".

Resta da capire se si poteva evitare di arrivare a tanto, considerato il momento particolare che la famiglia Grassini vive con la Lucchese (e che ha fatto da detonatore alle polemiche) e lo scarso rapporto con il territorio dell’ex assessore.

"Didendo l’indicazione – afferma Vescovi –, quando si fanno scelte ci sta di lasciare qualcuno insoddisfatto". E in realtà è proprio la platea degli "insoddisfatti" o comunque dei perplessi a suonare come un campanello d’allarme per la Lega, la cui costruzione di una classe dirigente sul territorio deve fare i conti con una crescita impetuosa e repentina.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.