Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Céline raddoppia, già assunti trenta pellettieri

Il marchio francese leader nel settore della pelletteria con oltre 120 negozi nel mondo (di cui quattro in Italia) trova la sua seconda casa toscana a Radda in Chianti

Ultimo aggiornamento il 25 luglio 2017 alle 11:59
L’ACCORDO Firmato il protocollo d’intesa tra Regione e azienda

Radda in Chianti, 25 luglio 2017 - CÉLINE, il marchio francese leader nel settore della pelletteria con oltre 120 negozi nel mondo (di cui quattro in Italia), raddoppia la presenza in Toscana e trova la sua seconda casa a Radda in Chianti con un accordo di collaborazione di cinque anni con la Regione che interesserà le future opportunità di sviluppo, la formazione e progetti di ricerca e innovazione. Il protocollo è stata firmato ieri con il comitato direttivo dell’azienda. La produzione nell’atelier è partita già da un mese, con una trentina di assunti, per lo più giovani e giovanissimi.

Presente l’assessore alle Attività produttive, Stefano Ciuoffo: «Oggi tutti producono e tutti fanno – commenta –. La sfida è aggiungere qualcosa in più, far sì che il prodotto racconti qualcos’altro, legarlo a un territorio, farlo con l’eccellenza di chi crede nella qualità». Soddisfatto il consigliere regionale del Pd Simone Bezzini: «Il valore economico di questa iniziativa è straordinario per la mole dell’investimento che consentirà di riqualificare una vecchia area industriale degradata e per la creazione di numerosi posti di lavoro».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.