Siena, 15 novembre 2019 - La procura della repubblica, il pm Silvia Benetti,  chiede il carcere per Andrea e Yuri Chesi, padre e figlio di Sovicille da martedì ai domiciliari per detenzione di esplosivo con finalità di terrorismo. L'avvocato che li difende, Francesco Pletto per contro chiede la libertà, anche in considerazion e della volontà di collaborazione e, se non sarà così, almeno la  possibilità per entrambi di tornare a lavoro. 

I due hanno parlato a lungo cercando di chiarire che non c'è nel loro comportamento alcuna volontà eversiva. Il gip Roberta Malavasi comunicherà la decisione entro domattina al massimo. 

La.Valde.