Vandalizza tutto nel centro storico. Giovane arrestato a San Gimignano

Il trentenne, in preda a una crisi di nervi, ha resistito anche a carabinieri e municipale intervenuti per calmarlo

Vandalizza tutto nel centro storico. Giovane arrestato a San Gimignano

Vandalizza tutto nel centro storico. Giovane arrestato a San Gimignano

Diciamo che il caldo fa dei brutti scherzi, ma non da ora. Andiamo per ordine: questo racconto di cronaca arriva dalle testimonianze dirette di chi vive e lavora dentro le mura della città delle torri. Infatti l’altra sera il via vai dei Carabinieri e dei vigili urbani ha dato nell’occhio. Il motivo dell’intervento? L’allarme lanciato nel centro storico da alcuni cittadini che hanno chiamato le forze dell’ordine per l’incomprensibile comportamento, probabilmente causato da una crisi improvvisa di nervi, di un giovane di circa 30 anni, con cittadinanza italiana, che è stato prima bloccato e poi arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.

I vertici dell’Arma e del Comando della municipale mantengono il massimo riserbo sul trentenne residente sotto le torri. Silenzio. Si sussurra però, dentro le mura, che il ragazzo sia un personaggio già conosciuto alle forse dell’ordine per precedenti episodi di inaudita violenza contro le cose e molto altro. Sempre nel ’si dice’. Dunque il racconto dei cittadini delle torri sembra uscito dal solito film di storica memoria di "guardie e ladri": i residenti sono infatti rimasti quasi increduli di fronte a questa movimentata serata cominciata da fuori porta San Matteo, così raccontano, dove è stato visto il giovane piuttosto robusto cominciare prendere a pedate tutto ciò che incontrava sul suo cammino e fare il diavolo a quattro sbaraccando a forza di calci i contenitori e bidoni della spazzatura e menando botte a da orbi alle porte di alcune abitazioni. Il trentenne avrebbe quindi preso il largo verso il parco della Rocca. E qui sarebbe cominciata la strana caccia allo scatenato vandalo da parte degli uomini in divisa, consapevoli di cercare una persona non certo in buona salute per queste crisi. Numerose le chiamate alle forze dell’ordine in quella che doveva essere una tranquilla serata estiva fra le torri. Carabinieri e municipale si sono messi sulle tracce del vandalo rincorrendolo da porta San Matteo alla Rocca, fino alla cattura in via Berignano proprio davanti alla lavanderia dove titolare e clientela hanno assistito all’intervento di sei fra carabinieri e vigili urbani che sono riusciti a bloccare questo giovane e a mettergli le manette trasportandolo nella vicina caserma. Fine dell’incubo. Bocche cucite e silenzio assoluto tra le forze dell’ordine. Una storia e il racconto di una cronaca che sta ancora facendo il giro di paese fra un commento e l’altro, mescolato fra il solito turismo multilingue che gira e rigira sotto le torri.

Romano Francardelli