Scaramelli: "Fronte progressista con il Pd"

Scaramelli: "Fronte  progressista con il Pd"
Scaramelli: "Fronte progressista con il Pd"

Stefano Scaramelli ci riprova. Saltate le prospettive di apparentamento, cui sembrava credere la scorsa settimana, ora punta direttamente a un accordo con il centrosinistra. "C’è la volonta di fare un fronte comune progressista e riformista, come a livello regionale, contro la destra di Fratelli d’Italia? È una questione sul tavolo, possiamo trovare un accordo su questioni concrete come la stazione dell’alta velocità, la politica del centro commerciale naturale, le questioni che riguardano la Fortezza", dice Scaramelli. Ma perché questa volontà di fare "fronte comune" non c’è stata al primo turno, quando Italia Viva ha deciso di allearsi con la coalizione a sostegno di Massimo Castagnini? "Al primo turno era normale portare avanti le proprie istanze – afferma ancora Scaramelli – ora è un mio dovere morale offrire questa opportunità. Ho parlato a livello regionale con il segretario Pd Fossi, ho ricevuto molte telefonate da dirigenti del partito...". Ma incontri ufficiali, in particolare con la candidata Ferretti? Altrimenti siamo ancora nel campo delle ipotesi... "Non ho ancora visto nessuno – ammette Scaramelli – ma conto che nelle prossime 24-48 ore si possa trovare spazio per definire un accordo che sia centrato sulle cose concrete. L’ultimo problema è chi fa cosa, vogliamo solo parlare di contenuti". Non sarà facile (quantomeno su un fronte ufficiale), a sentire anche ieri le parole di Ferretti.

O.P.