Piazza del Campo innevata
Piazza del Campo innevata

Siena, 5 gennaio 2018 - La città è cambiata. Non solo a livello economico e di attività. Di tenuta sociale. Una rivoluzione copernicana si è registrata anche per quanto riguarda il meteo. Siena è diventata più calda e piovosa. E si verificano fenomeni estremi, fino a poco tempo fa impensabili. Basta pensare ai 111,6 chilometri orari raggiunti dal vento il 29 ottobre scorso cha causarono danni ingenti. «Fra i dati più interessanti – sottolinea Damiano Sonnini, responsabile di ‘Meteosiena24’, tracciando un bilancio degli ultimi 12 mesi – è la quantità di pioggia caduta nel 2018. Un surplus di precipitazioni lo abbiamo avuto già dai primi mesi, con febbraio, marzo e maggio che hanno mostrato anomalie. Un aumento del 100% e anche del 180% dei millimetri di pioggia caduti rispetto alla media storica. La stagione primaverile risulta la più piovosa degli ultimi 64 anni».

Le cifre rendono meglio il quadro. «Il 2018 – prosegue Sonnini – chiude con 1055,6 millimetri di precipitazioni (+31,6%) registrati presso la nostra stazione di Vico Alto. E ci sono stati ben 116 giorni piovosi». Un altro dato da sottolineare di questo clima pazzo il ritorno della neve, che ha raggiunto gli 11 centimetri nel capoluogo, dopo sei anni di assenza. Il 28 febbraio ne sono caduti 6, il primo marzo 5 prima che la neve si trasformasse in pioggia con gelicidio in numerose località della provincia.

E la temperatura? E’ stato un anno molto caldo. A Siena è cresciuta di 0,9° per cui la media annua si è attestata a +15,1°. Le anomalie decisamente vistose si sono avute proprio a gennaio, tradizionalmente piuttosto freddo. In realtà la temperatura è stata superiore alla media di 2,7° anche se aprile conquista il podio: il più caldo della storia climatica senese con una crescita di 3,4° (il 6 sono stati superati diffusamente in provincia, per la prima volta nell’anno, i 20°). E gli scorci di stagione con picchi di gelo? A febbraio temperature al di sotto della media di 2,2° e a marzo di 0,9°. Il giorno maggiormente a bollore del 2018? Il 31 luglio quando la colonnina di mercurio ha raggiunto i 36,9° in città mentre quello più freddo è stato il 28 febbraio con -7,1°.