Siena, 11 marzo 2018 - «BIG già motivati. Si sono fatti vedere», analizza Bastiano. Non c’è nessuno che si possa permettere di mollare la presa perché sono tutti, per motivi diversi, affamatissimi. Comprese le seconde file: guarda la grinta di Antonio Siri che ha vinto la prima corsa davanti a Mari e Zedde. Poi Andrea Coghe che ha centrato la sesta su Briccona da Clodia rendendo felice la figlia Vittoria che sventolava la coppa orgogliosa di quello che in un compito a scuola ha definito ‘babbo super-eroe’. Bene Bastiano Sini, che ha trionfato su Thiago Baio (7° corsa) con una rimonta fulminante su cui nulla ha potuto un bravo (e ben ritrovato) Alessio Migheli con Viky Fortuna. Solo per citarne alcuni. Le corse hanno fatto vedere a capitani e staff, presenti a ranghi compatti in questa prima uscita della stagione, che se c’è competizione fra le Contrade altrettanta ‘regna’ fra chi monta a cavallo. E nessuno farà sconti. Che dire, per esempio, della fulminante volata di Dino Pes su Robolt nella corsa di chiusura (molto interessante in chiave palio di Ferrara) che sul palo ha dovuto dividere il primo posto con il coriaceo Topalli su Quisario.

LEGGI SERVIZI ED INTERVISTE NEL GIORNALE IN EDICOLA