Lettera aperta dei sindaci di Siena a Bezzini: "Battaglia per il Policlinico Le Scotte"

Lettera aperta dei sindaci a Bezzini: "Battaglia contro la conservazione"

Lettera aperta dei sindaci a Bezzini: "Battaglia contro la conservazione"

"La conservazione che blocca il Policlinico Le Scotte va sconfitta e questa battaglia deve coinvolgere tutte le istituzioni per sostenere la sanità pubblica. Le comunità della provincia di Siena hanno bisogno che il progetto di rinnovamento del policlinico avviato da lei e dalla Regione Toscana vada avanti e i sindaci devono esserne partecipi per tutelare i diritti dei loro cittadini". Inizia così la lettera aperta dei sindaci di Asciano, Fabrizio Nucci, e Rapolano Terme, Alessandro Starnini, rivolta all’assessore alla sanità della Regione Toscana, Simone Bezzini, e a tutti i sindaci della provincia di Siena per sostenere il rinnovamento e la riqualificazione dell’ospedale senese e dei suoi servizi. Una lettera che arriva in giorni in cui il dibattito intorno al policlinico (nell’imminenza della nomina del nuovo dg, che il governatore Giani ha già annunciato essere ancora Barretta) è acceso: dai trapianti alle scuole di specializzazione, dal clima interno alle nomine dei direttori al posto dei cinque pensionandi.

"I primi cittadini della provincia di Siena – aggiungono Nucci e Starnini – devono poter dire la loro opinione sul futuro del policlinico Le Scotte per concorrere a superare le criticità esistenti e migliorare il progetto di rinnovamento che lei ha avviato come assessore regionale alla sanità, guardando sia ai grandi investimenti di riqualificazione edilizia che al potenziamento della qualità professionale, organizzativa e dei rapporti con il territorio. Con questi obiettivi, chiediamo un incontro urgente con lei, il direttore generale del policlinico Le Scotte e i sindaci della provincia di Siena per definire una battaglia comune che comprenda anche il grande tema della ricerca e dell’università, fondamentali per la qualità dei servizi sanitari e per lo sviluppo del territorio. Sarebbe, infatti, molto grave che il progetto del biotecnopolo e della ricerca in campo pandemico avviato a Siena andasse perduto per ignavia del governo".

Un appello quindi rivolto non solo all’assessore regionale Bezzini, ma anche agli altri colleghi sindaci, per avviare un confronto aperto sui temi più stringenti della sanità senese e in particolare su quelli che coinvolgono il policlinico di Santa Maria alle Scotte.