Joe Sanders conduce la masterclass in corso alla Tuberosa, oggi l’ultima lezione con gli studenti
Joe Sanders conduce la masterclass in corso alla Tuberosa, oggi l’ultima lezione con gli studenti
Sono riprese all’insegna della buona musica le attività residenziali di Siena Jazz interrottesi a causa della pandemia nel 2020. Un fitto calendario di lezioni di alta formazione musicale verrà ospitato a porte chiuse dal circolo ARCI Tuberosa di Siena ed è rivolto agli studenti dei corsi accademici di Siena Jazz University. Sono già in corso dunque le masterclass: dopo gli incontri della settimana scorsa che hanno avuto come protagonista in cattedra Dan Kinzelman, questa settimana - gli appuntamenti musicali in residenza sono iniziati già da domenica e sono...

Sono riprese all’insegna della buona musica le attività residenziali di Siena Jazz interrottesi a causa della pandemia nel 2020.

Un fitto calendario di lezioni di alta formazione musicale verrà ospitato a porte chiuse dal circolo ARCI Tuberosa di Siena ed è rivolto agli studenti dei corsi accademici di Siena Jazz University.

Sono già in corso dunque le masterclass: dopo gli incontri della settimana scorsa che hanno avuto come protagonista in cattedra Dan Kinzelman, questa settimana - gli appuntamenti musicali in residenza sono iniziati già da domenica e sono previsti anche oggi - è la la volta del workshop condotto da Joe Sanders; da domenica 2 a martedì 4 maggio le masterclass proseguiranno con l’incontro condotto da Yonathan Avishai; da domenica 16 a martedì 18 maggio gli studenti incontrano Logan Richardson, e per concludere da sabato 5 a lunedì 7 giugno il Sju Stage condotto da Javier Girotto.

I workshop, sostenuti grazia anche al contributo di SIAE e MIBACT, rappresentano momenti di confronto e alto perfezionamento artistico, e sono condotti da docenti stranieri, rappresentanti d’eccezione del panorama musicale jazzistico internazionale.

Le residenze sono organizzate in forma di laboratori di ricerca musicale, durante le quali i docenti, per tre intense giornate, incontrano gli studenti dei corsi senesi sviluppando con loro approfondimenti stilistici e percorsi creativi improntati sull’interplay e l’innovazione espressiva.

Nonostante il perdurare della crisi, sanitaria, economica ma anche culturale, degli ultimi tempi, la realizzazione delle residenze musicali dell’Accademia senese, riporta l’attenzione sui temi dell’incontro e del confronto, come elementi imprescindibili della creazione artistica.

Le attività didattiche di Siena Jazz, tra cui rientrano le residenze, si svolgono ancora a porte chiuse, in spazi sanificati e gestiti secondo le normative vigenti in materia di distanziamento e sicurezza anti-covid, secondo i protocolli adottati dall’Accademia senese.

"Le attività residenziali di alto perfezionamento artistico riprendono il via quest’anno per merito anche degli investimenti in materia di sicurezza attivati dalla nostra Accademia", sottolinea il direttore Franco Caroni. "L’obiettivo è di dare continuità alla ricerca artistica - prosegue il direttore Caroni - e all’offerta di servizi per i nostri musicisti e studenti, nel segno anche della rinascita e della speranza, nel mondo dell’alta formazione e della musica".

L’affascinante calendario delle masterclass prosegue dunque anche questa settimana e andrà avanti anche a maggio, come da programma, a partire dall’appuntamento odierno ancora con Joe sanders al circolo La Tuberosa : tutti gli appuntamenti prevedono la registrazione audio-video, realizzata sempre a porte chiuse, della lezione finale a testimonianza del prezioso lavoro di formazione svolto.