Festival del Cristallo, sale l’attesa. Da giovedì 19 ottobre comincia la quattro giorni di grandi eventi

Riflettori puntati sulla produzione di eccellenza che ha fatto la storia della città rendendola famosa .

Festival del Cristallo, sale l’attesa. Da giovedì 19 ottobre comincia la quattro giorni di grandi eventi

Festival del Cristallo, sale l’attesa. Da giovedì 19 ottobre comincia la quattro giorni di grandi eventi

Il Festival del Cristallo di Colle prenderà il via il 19 ottobre, fino al 22. Si tratta del più importante evento legato alla produzione di eccellenza che ha fatto la storia della città, contribuendo a renderla nota nel mondo. Il programma del Festival prevede quattro giorni di eventi: si comincia il giovedì con la presentazione del libro di François Burkhardt, si continua il giorno dopo al Teatro del Popolo con una conferenza dal titolo "Un soffio e un ricamo d’arte: il cristallo, il suo saper fare, tra tradizione e innovazione", in cui sarà affrontato il tema dei saperi e delle competenze del mondo del cristallo per arrivare all’immancabile "fabbriche aperte" durante la giornata di sabato, in cui si potranno visitare le aziende, assistere alla produzione, insieme a varie attività, tra cui il "Trekking del Cristallo" con Artex e "ImparaCristallo", in collaborazione con il Liceo Artistico Duccio di Boninsegna di Siena, per chiudere con una festa al Teatro del Popolo con musica e degustazione di gin. La domenica è dedicata al nuovo allestimento del Museo del Cristallo, in attesa della imminente riapertura, l’amministrazione comunale organizza una "preview", ovvero una visita guidata del cantiere. Il Festival si chiuderà con la proiezione, in prima visione, del documentario "Voci dalla Città del Cristallo", realizzato da Kinè, un ritratto corale tracciato dalle voci dei protagonisti della storia del vetro e del cristallo a Colle. "Una nuova edizione del Festival del Cristallo che abbiamo voluto dedicare alla trasmissione dei saperi, in questo 2023 Anno Europeo delle Competenze – sottolinea Gabriele Bagnasacco, presidente di associazione la città del cristallo – È questo, infatti, un tema strategico su cui riteniamo necessario aprire un confronto con il territorio. Molti dei mestieri legati al cristallo sono, infatti, a rischio di scomparsa ed occorrono azioni che favoriscano il ricambio generazionale, la formazione di questo saper fare d’eccellenza, anche attraverso collaborazioni innovative". "Questa seconda edizione – conclude Cristiano Bianchi, assessore alla cultura e al turismo – rappresenta per Colle una grande conferma e la dimostrazione che, seppur in forma diversa e tuttora in trasformazione, la città del cristallo è viva e forte".

Lodovico Andreucci