Slow Travel Fest a Monteriggioni
Slow Travel Fest a Monteriggioni

Monteriggioni (Siena), 25 settembre 2019 - Il 2019 è l’anno dedicato al “Turismo Lento”. Un motivo in più dunque per partecipare alla quinta edizione dello Slow Travel Fest, festival outdoor della Via Francigena.

L’evento culturale dedicato ai cammini, sostenuto dal comune di Monteriggioni e promosso da Regione Toscana e Toscana Promozione Turistica, propone una tre giorni di escursioni, spettacoli ed esperienze in straordinari contesti storico, artistici e naturalistici.
Dal 27 al 29 settembre, in uno dei tratti più belli dell’antica Via Francigena, ampio sarà il ventaglio delle proposte, fra incontri, spettacoli, escursioni da vivere appieno immersi nella natura di Monteriggioni, della Montagnola Senese e di tutta la Valdelsa. Centro delle attività culturali del festival è il borgo monumentale di Abbadia a Isola che attualmente ospita uno dei più importanti ostelli di tutta la Francigena. Il chiostro è la cornice degli incontri culturali e degli spettacoli, che quest’anno vedono la presenza anche del cantautore Bobo Rondelli. Il piccolo borgo è il punto di partenza per intraprendere una grande varietà di itinerari.

L'appuntamento classico, che inaugura il festival, è la Francigena Welcome Walk di venerdì 27 settembre, un trekking di benvenuto lungo uno dei tratti più belli dell’antica via: quello che da San Gimignano, attraversando Colle Val d’Elsa, prosegue alla volta della sede del festival: Abbadia a Isola. Questa frazione di Monteriggioni sarà il punto di partenza del ricco calendario di escursioni.
Una novità di questa edizione è la proposta di trekking letterari. Il cammino ha da sempre ispirato le opere di poeti, letterati e filosofi. Sabato 28 settembre la guida ambientale si fa anche poeta, nel condurre il pubblico tra il profumo delle coltivazioni, lungo un itinerario ispirato alla poesia italiana. Domenica 29 settembre sarà possibile avventurarsi in un trekking tra le leccete, seguendo lo spirito della Vita dei Boschi del Walden di Thoreau.

Gli altri percorsi trekking in programma permetteranno di scoprire il territorio francigeno e i tesori storico-artistici. Tappa obbligata sulla Francigena è il Castello di Monteriggioni, da attraversare da porta a porta. Ma altre sono le mete meno conosciute. Come il magico Eremo di San Leonardo nascosto tra la macchia; oppure il Canale del Granduca, da attraversare camminando quasi al buio. Non solo trekking e cammini, il programma riserva anche proposte di percorsi in mountain bike, e-bike e addirittura in footbike. Mentre possono riservare fresche sorprese le esperienze di rafting e pack-rafting lungo il fiume Elsa.

Quanto agli spettacoli, primo a salire sul palco del suggestivo chiostro di Abbadia a Isola sarà il grande Bobo Rondelli. Il cantautore livornese riporterà in scena Per Amor del Cielo, l'album che ha decretato la sua consacrazione. Insieme ad altri brani del suo repertorio e a qualche sorpresa, l’album verrà nuovamente arrangiato in una veste ancor più nuda e intima: solo Bobo, una chitarra, un pianoforte e un violino. Con lui la sua solita energia, ironia e lirica musicale con le quali riesce sempre a conquistare il pubblico.

Sabato 28, al tramonto, sarà di scena un concerto di pianoforte sull’erba del giardino di Abbadia con vista sul castello di Monteriggioni. Elettra Capecchi e Carlotta Forasassi, in arte Mademoiselles Sarabande, sono un piano duo a quattro mani in grado di alternare autori classici, come Brahms, Bizet e Debussy, ai ritmi contemporanei del ragtime, tango e fox-trot. Uno spettacolo suonato e raccontato che condurrà alla scoperta del lato magico, romantico e divertente della musica.

La sera sarà il momento di Sandro Joyeux, musicista e cantautore italo-francese, talento che in molti hanno accostato a Manu Chao. Il suo concerto è un viaggio mistico attraverso i ritmi del deserto e le strade dell’Africa, tra le banlieues parigine e il reggae dei ghetti giamaicani. Due ore di musica durante le quali non si potrà fare a meno di muoversi. Prima e dopo il concerto la musica sarà ancora protagonista grazie a dj set di Ghiaccioli & Branzini, maestro dell’electro folk che ha calcato i palchi dei migliori festival, club, locali in Italia e in Europa.

Anche il teatro non può che essere in cammino al festival. Sabato 28 due momenti dedicati a Shakespeare, a colazione e a merenda. Due passeggiate che prevedono le incursioni teatrali dei personaggi del Bardo, da Amleto a Lady Macbeth, accompagnati dalle note di strumenti rinascimentali, oltre a caffè e tè per il pubblico. Lo stesso giorno da non perdere il racconto itinerante della Marcolfa e le erbe miracolose ispirato al mondo delle guaritrici e delle raccoglitrici di erbe. Domenica 29 altri due saranno gli spettacoli, nel giardino di Abbadia a Isola con vista sul castello di Monteriggioni. La mattina La vita dentro, storie di semi che volano, nuotano, dormono, ingannando l’attesa di vedere la luce. Gran finale di avanspettacolo con gli Hot Walz FM: un concerto del miglior Jazz, Swing e Dixieland vedrà l’intrusione di una fidanzata che, come una mina vagante, sarà decisa a farsi giustizia. Spettacolo di ottima musica e tutto da ridere, per chiudere in allegria lo Slow Travel Fest.

Slow Travel Fest è un circuito di festival della Via Francigena Toscana, progetto di Regione Toscana e Toscana Promozione Turistica patrocinato dall’Associazione Europea Vie Francigene. L’edizione di Monteriggioni è sostenuta dal Comune di Monteriggioni e organizzata da Kindi e Monteriggioni Turismo con il coordinamento di Ciclica.
Per informazioni: info@slowtravelfest.it.
Programma completo su: Cwww.slowtravelfest.it/monteriggioni/programma/.


Ilaria Biancalani