Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Festa della Musica di Chianciano, il gran finale

La serata di domenica 29 luglio vede due gruppi sul palco

Ultimo aggiornamento il 28 luglio 2018 alle 13:33
La Festa della Musica di Chianciano

Chianciano Terme, 28 luglio 2018 - Ultimo appuntamento con la XIX edizione della Festa della Musica, la rassegna organizzata dai 200 volontari del comitato chiancianese E20, con il patrocinio e con il supporto del Comune di Chianciano Terme. Una manifestazione che ogni anno raccoglie una sfida: organizzare un festival che possa garantire ottimi standard di qualità, pur basandosi quasi esclusivamente sul volontariato.

Domenica 29 luglio al Parco Fucoli è la volta del rap fresco e ribelle dei Bangcock, creatori ed interpreti di un crossover di gran carattere che prevede un sound contaminato dai più disparati generi musicali. Gli strumentali spaziano dal rock moderno al jazz, senza perdere mai di identità. Il gruppo è nato dall’incontro tra i fratelli Barthélémy e Melchior che hanno trascorso l'infanzia cantando in cori di musica sacra ed Antoine che da sempre trova ispirazione nei ritmi e nelle melodie africane.

I tre musicisti si sono incontrati per la prima volta a Parigi, ricongiungendosi non molto tempo fa in Madagascar per produrre musica e fare concerti unici nel loro genere. Nella città da cui trae il nome il loro gruppo, ha iniziato seriamente a prendere forma il loro progetto musicale. Per due anni hanno maturato il loro stile e composto quella che sarebbe diventata la materia prima del loro primo album.

A seguire, chiusura in grande stile con il Disperato Circo Musicale, band veronese attiva dal 2011. Ogni loro concerto è una festa carica di energia, un tornado di ritmi, colori e travolgente vivacità che si traduce in una fusione di diversi generi e tradizioni musicali: ska, reggae, balkan, funky, latin e punk. La band è una vera e propria carovana musical-circense formata da nove elementi che ha già dato alla luce due album.

Piccolo “cenno storico”: i Disperato Circo Musicale hanno condiviso il palco con Gogol Bordello, Dubioza Kolektiv, Vallanzaska, Modena City Ramblers, España Circo Este, Nobraino, Luca Bassanese, Ska-J, Los Fastidios e molti altri. Con musiche e canzoni popolari in dialetto veronese il gruppo cerca di raccontare, attraverso favole e storie, l'appartenenza a un mondo che guarda all'avvenire, ma che ha un cuore antico. Immancabile come in ogni serata della Festa della Musica, la pizzeria e il ristorante a km zero con piatti a base di cacciagione (inizio concerti ore 21:30 - apertura area ristorante alle 19:30).

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.