Siena, 5 marzo 2016 - Una prestazione eufemisticamente incolore per una pessima Robur, travolta all’Helvia Recina di Macerata, e che a tratti è stata davvero imbarazzante. Dopo mezz'ora i marchigiani sono già avanti di tre gol, grazie a Foglia e a Colombi, abili a sguazzare nelle tremende pecche della difesa della squadra di Guido Carboni.

Gravissimo soprattutto l’errore di capitan Portanova, che spalanca le porte al sigillo del centravanti di casa che ringrazia e al 27’ chiude già la gara. Nella ripresa Minotti e Mastronunzio, subentrati a La Vista e De Feo cercano di suonare la sveglia e complice il passaggio al 4-4-2 il Siena tiene meglio il campo.

Cambia ben poco però: sono i marchigiani, con pieno merito, a conquistare i tre punti contro una formazione, quella bianconera, apparsa davvero in precarie condizioni (più mentali che fisiche) anche in vista del ritorno della semifinale di Coppa Italia, in programma martedì a Foggia, dopo il 5-2 del Franchi. Coppa a parte adesso per il Siena arriva il momento di pensare anche a fare qualche punto in campionato, per non rischiare di trovarsi invischiata nella lotta per evitare i playout.

MACERATESE (4-4-2)
Forte; Imparato, Faisca, Sabato, Karkalis; D’Anna, Togni (7’st Carotti), Foglia, Bonaiuto; Kouko (47’st Rizzo), Colombi (24’st Talamo). 
A disposizione: Ficara, Clemente, Fissore, Giuffrida, Orlando, Potenza, Massei. 
Allenatore: Bucchi
 

SIENA (4-2-3-1)
Montipò; Pellegrini, Celiento, Portanova, Masullo; La Vista (1’st Minotti), Opiela; De Feo (1’st Mastronunzio), Fella (25’st Rozzi), Yamga; Cori.
A disposizione: Bacci, Paramatti, Boron, Saba, Torelli, Ficagna, Burrai, Beye.
Allenatore: Carboni

Arbitro: Pillitteri di Palermo 
Reti: 12’pt ,20’pt e 20’st Foglia, 27’pt Colombi, 10’st Minotti, 41’st Mastronunzio.  
Ammoniti: Opiela, Yamga, D’Anna.  
Angoli: 5-2.
Recuperi: 0 e 3.