Ameglia (La Spezia), 2 marzo 2018 – Niente tassa di soggiorno per i minori. Il consiglio comunale di Ameglia ha ritoccato il regolamento che andrà in vigore già in questo mese proprio per abituare i gestori delle strutture ricettive del territorio a impostare il nuovo balzello previsto dall’amministrazione comunale. Un periodo di prova in una stagione ancora tranquilla in vista del ritorno dei turisti già a partire da Pasqua.

Rispetto alla prima stesura del regolamento che riguarderà alberghi, affittacamere, campeggi e bed and breakfast, sono stati esclusi dal pagamento della tassa i minori fino al diciottesimo anno di età. Inoltre non saranno soggetti al versamento del costo aggiuntivo del soggiorno i disabili e i loro genitori, lavoratori che prestano servizio sul territorio, autisti di pullman in gita turistica e appartenenti alle forze dell’ordine e volontari impegnati in operazioni di soccorso alla popolazione. La tassa di soggiorno è stata adottata dal Comune di Ameglia seguendo una linea varata dalla Regione Liguria riguardante diverse località turistiche.

Le cifre variano a seconda della struttura: si passa dai 5 euro a persona per le strutture a cinque stelle fino a 1 euro. Sarà compito dei gestori comunicare all’inizio di ogni mese presenze e versare all’ufficio tributi del Comune la relativa imposta. Il gettito del nuovo balzello, che non ha mancato di sollevare qualche polemica, avrà come obiettivo quello di andare a rinforzare il bilancio comunale alla voce turismo. Le somme introitate infatti verranno investite in migliorie nell’accoglienza: dalla manutenzione delle frazioni al potenziamento del sistema informazioni turistiche rimasto fermo dopo l’avvio di due estati fa.