Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Colto da infarto in spiaggia, architetto muore durante la vacanza all'Elba

Il malore davanti a moglie e figlio. Inutili i tentativi di rianimarlo

di LAURA PROVITINA
Ultimo aggiornamento il 1 settembre 2018 alle 08:17
L’architetto Giacomo Bernazzani

Sarzana, 31 agosto 2018 - Era in vacanza con la sua famiglia all’isola d’Elba, quando è stato colto da malore, un improvviso arresto cardiaco risultato fatale. Giacomo Bernazzani, architetto di 60 anni, residente a Romito Magra, non ce l’ha fatta. A nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo. Bernazzani, che a quanto pare nei giorni precedenti non aveva mai mostrato sintomi che potessero presagire la tragedia, si è sentito male attorno alle 11 sulla spiaggia di Pomonte. Immediati i soccorsi del personale medico e infermieristico del 118 locale che hanno rianimato l’uomo sul posto per poi attivare l’elisoccorso Pegaso 2 di stanza a Grosseto.

I rianimatori si sono calati sulla spiaggia con il verricello così da consentire all’arcolano di salire a bordo dell’elisoccorso, che poi è partito alla volta dell’ospedale delle Scotte di Siena. Ma quando è arrivato nel nosocomio toscano il suo cuore ha cessato di battere, tra l’incredulità e lo strazio della moglie e del figlio. La notizia della morte di Bernazzani è rimbalzata rapidamente nella comunità romitese, sconcertata dall’accaduto. A Romito l’uomo era molto conosciuto: era stato impegnato politicamente nella sezione locale del Pd ed era stato membro del comitato di zona tre. Si era dimesso da entrambe gli incarichi ma partecipava attivamente alla vita del paese e soprattutto alle iniziative del Comitato cittadini di Romito. Fino a domenica sera aveva partecipato ai festeggiamenti del patrono e alla mostra fotografica che aveva curato in prima persona. Era amante del ballo e stimato per le sue doti umani e professionali.

«Una persona vera, una persona schietta e sincera che diceva sempre quello che pensava senza ipocrisia, una dote molto rara in politica e nella vita di tutti i giorni» lo descrive l’assessore Gianluca Tinfena. Lascia in un immenso dolore la moglie Laura e il figlio Simone, ai quali rivolgiamo le sentite condoglianze da parte di tutta la redazione de La Nazione. I funerali si svolgeranno alle 10.30 nella chiesa di Romito.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.