Molti i pendolari rimasti a terra perché gli autobus del Ctt non hanno fatto le fermate previste nel tratto del Comune di Luni
Molti i pendolari rimasti a terra perché gli autobus del Ctt non hanno fatto le fermate previste nel tratto del Comune di Luni

Luni (La Spezia), 12 marzo 2019 - L’anziana ha agitato il bastone e non ha voluto sentire discorsi. In quell’area l’autobus si è sempre fermato e le giustificazioni dell’autista, che invece avrebbe voluto tirare dritto, non sono servite. L’arzilla utente è comunque riuscita a salire ieri mattina sul bus dell’azienda CTT che serve la zona di Luni, percorrendo le vie interne che poi spuntano a Fossone e concludono la corsa a Carrara. Ma non altrettanto sono riusciti a fare gli altri. Improvvisamente infatti l’azienda ha deciso di non osservare più la sosta prevista in varie zone del territorio di Luni consentendo ai cittadini, molti dei quali studenti, di usufruire del servizio pubblico per gli spostamenti.

A far cambiare la rotta dei mezzi sarebbe, secondo quanto raccolto dal sindaco Alessandro Silvestri e dal comandante della polizia municipale Marco Monfroni, la mancanza di segnaletica a terra. In buona sostanza manca nelle aree di fermata il cosiddetto «golfo» ovvero la rientranza che permette al bus di uscire dalla carreggiata e posizionarsi in uno spazio ben definito. Un’area assente da sempre ma solo da ieri mattina diventata oggetto di una controversia. In municipio sono arrivate le lamentele degli utenti lasciati a terra, tranne l’anziana che ha minacciato di farsi travolgere ed è salita, dopo le strane spiegazioni del conducente. L’ente si è attivato chiedendo anche il supporto della Provincia che gestisce il servizio di trasporto pubblico.

La ragione del dietrofront? «Non lo sappiamo – spiega il sindaco Alessandro Silvestri – ma la cosa è molto grave e sfiora il reato di interruzione di pubblico servizio. Secondo quanto mi è stato riferito gli autobus dell’azienda Ctt non fermeranno più perchè non è disegnato a terra lo spazio dedicato alla sosta. E su questo aspetto mi sorgono alcune domande. L’azienda spezzina Atc ferma regolarmente con mezzi molto più grandi inoltre non ho memoria visiva di queste aree speciali di cui improvvisamente si sente la necessità per garantire la fermata. Ho parlato con il nostro comandante della polizia municipale che ha confermato il rispetto degli accordi presi relativi alla segnaletica orizzontale negli spazi di fermata dei mezzi pubblici sulle strade del territorio». Questa mattina è in programma una riunione a Carrara per cercare di chiarire la questione. «Un disservizio immotivato – conclude il sindaco : perchè i requisiti improvvisamente richiesti non si trovano quasi da nessuna parte lungo il percorso su Aurelia e viale XX Settembre a Carrara così come la viabilità per Fossone. Di sicuro non accetteremo passivamente questa decisione».

Massimo Merluzzi